Gerry Conway, il co-creatore del Punitore, ha svelato un retroscena totalmente inaspettato su un’abitudine di Stan Lee.

Il 12 novembre 2018 è venuto a mancare Stan Lee, il “padre” della maggior parte dei supereroi che hanno decretato il successo della Marvel Comics che si è spento all’età di 95 anni. Il mondo intero ha pianto la scomparsa di una vera e propria leggenda dell’intrattenimento e i vari attori, registi e produttori di Hollywood hanno omaggiato la sua carriera ed il suo fondamentale contributo per l’industria del fumetto.

Nelle ultime ore il fumettista Gerry Conway, co-creatore di Frank Castle alias il Punitore e autore della celebre storia che segnò la morte di Gwen Stacy, ha svelato sul suo profilo Twitter che Stan Lee possedeva una ricca collezione di parrucchini prima di sottoporsi al trapianto di capelli e che il papà del Tessiragnatele tendeva a sostituire il toupet a cadenza settimanale:

“Prima che facesse il trapianto di capelli, Stan aveva un magnifico set di toupet, come questo qui, che cambiava di settimana in settimana per dare l’impressione che i suoi capelli stessero crescendo. Lo dicono tanto per parlare, mi sembrava una curiosità divertente.”

In risposta ad un utente che gli ha quanto lavoro fosse necessario per portare avanti una simile operazione, Conway ha aggiunto:

“Quando Stan assunse la mia fidanzata di allora (e futura moglie) Carla Joseph come sua segretaria, le disse che una delle sue mansioni era di assicurarsi che indossasse il toupet giusto per la settimana corrente.”

SINOSSI
L’ex marine divenuto vigilante Frank Castle (Jon Bernthal) ha vissuto una vita tranquilla per strada fino a quando improvvisamente non viene coinvolto nel tentato omicidio di una giovane ragazza (Giorgia Whigham). Naturalmente l’uomo è incuriosito dal mistero che la circonda e da coloro che sono alla ricerca delle informazioni che custodiva la ragazza. Castle pertanto, si segna un nuovo bersaglio sulla schiena perché nuovi e vecchi nemici lo costringono a confrontarsi con sé stesso, ad accettare il suo destino e ad abbracciare definitivamente la vita nei panni di The Punisher.

Fonte