Hugh Jackman spiega finalmente cosa lo ha convinto a tornare nei panni di Wolverine in Deadpool 3 dopo l’addio al ruolo con Logan.

A novembre del 2024 uscirà Deadpool 3, il terzo capitolo dedicato alle avventure del Mercenario Chiacchierone interpretato da Ryan Reynolds, che sarà ambientato nell’MCU e vedrà il ritorno di Hugh Jackman nel ruolo di Wolverine.

Nel corso di una lunga intervista con Variety, Hugh Jackman ha finalmente spiegato perché ha scelto di tornare nei panni di Wolverine dopo Logan, con il quale aveva abbandonato ufficialmente il personaggio.

Jackman inizialmente ha spiegato che non trascorreva un giorno senza che qualche fan gli chiedesse di tornare come Wolverine, motivo per cui ha sentito l’affetto e la vicinanza del pubblico:

Mi gridavano dal finestrino dell’auto “ti prego, dammi un’ultima volta Wolverine!”

Jackman ha quindi aggiunto:

Una parte di me pensa che ora posso interpretarlo meglio di quanto fatto in passato. È l’arroganza dell’età che ho adesso? Wolverine è un personaggio torturato, molto più torturato di me. Allo stesso tempo però mi ha sempre trasmesso la sensazione di un uomo che si sente a proprio agio con il suo corpo. Anche io mi sento a mio agio con il mio corpo, anche se è un disastro.

Sono sempre stato avido con questo personaggio. È stato mio per 20 anni. Poi, ovviamente, quando me ne sono andato, è stato acquistato dalla Disney e sono sicuro che ci sono già dei piani in corso [per il futuro].

L’attore ha quindi spiegato di essere stato totalmente onesto quando ha annunciato il ritiro come Wolverine. Credeva fortemente che fosse arrivato il momento di appendere gli artigli al chiodo… ma qualcosa è cambiato: l’arrivo di Deadpool al cinema, che gli ha dato subito l’idea per un team-up con il suo amico Ryan Reynolds.

Sono andato a una proiezione di ‘Deadpool’. Dopo 20 minuti, ho pensato “dannazione!”

Tutto ciò che continuavo a vedere nella mia testa era ’48 Hours’ con Nick Nolte e Eddie Murphy. Quindi è un’idea che è maturata per molto, molto tempo. Mi ci è voluto davvero tanto tempo per arrivare a questo momento.

Per anni l’attore ha riflettuto se infrangere o meno il suo giuramento: da una parte la preparazione al ruolo si era fatta sempre più intensa con l’avanzare dell’età (come spiegato al momento dell’addio a Wolverine), ma dall’altra questo pensiero che ha avuto dopo aver visto Deadpool non lo ha mai abbandonato.

Alla fine di agosto, durante una giornata in spiaggia con la sua famiglia, Jackman ha finalmente deciso… e la prima cosa che ha fatto naturalmente è stato chiamare Ryan Reynolds, che per anni lo ha implorato per un team-up tra Deadpool e Wolverine, ma che stava perdendo definitivamente le speranze.

Ormai si era arreso… ma è stato uno shock assurdo per lui. È stato in silenzio, ha preso una pausa gigantesca e mi ha detto “il tempismo con cui me lo stai dicendo è incredibile”.

Reynolds era infatti in viaggio per una riunione con Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, per discutere proprio di Deadpool 3.

Gli astri si sono allineati. Il resto è (e sarà) storia.

Per quanto riguarda il titolo del film, Jackman ha lasciato intendere che non sarà Deadpool 3:

Non nel mio cuore. Sono decisamente sicuro che a Wolverine non piaccia questo titolo!

Fonte