Sydney Lemmon ha parlato della possibilità di tornare nei panni di Ana Helstrom dopo aver interpretato il personaggio nella serie Helstrom.

Lo scorso anno è stata distribuita sulla piattaforma di streaming Hulu l’ultima serie live-action prodotta da Marvel Television: Helstrom, lo show incentrato sui figli di Satana, Daimon e Ana Helstrom. La serie, concepita originariamente come parte dell’etichetta Adventure Into Fear insieme a Marvel’s Ghost Rider, era sotto il controllo di Jeph Loeb ma, in seguito alla promozione di Kevin Feige a Chief Creative Officer di Marvel Entertainment, i Marvel Studios e la Disney hanno preso sempre più le distanze dal progetto al punto da rimuovere il marchio “Marvel” dal logo ufficiale.

Nel corso di un’intervista promozionale con ComicBook.com riguardante il film horror Firestarter, Sydney Lemmon ha espresso il suo amore per il ruolo di Ana Helstrom, dichiarandosi aperta alla possibilità di interpretarla nuovamente in futuro se si presentasse l’occasione:

Amerò sempre Ana Helstrom. È ferocia, audacia e divertimento. Non me la lascerò mai alle spalle.”

Ricordiamo che Hulu’s Helstrom è composta da 10 episodi e vede nel cast Tom Austen (Grantchester, The Royals) e Sydney Lemmon (Fear of The Walking Dead) nei panni di Daimon e Ana Helstrom, Elizabeth Marvel (Homeland) come Victoria Helstrom, Robert Wisdom (Ballers, Watchmen) come Caretaker, June Carryl (Mindhunter) come Dr. Louise Hastings, Ariana Guerra (Raising Dion, Insatiable) come Gabriella Rosetti, Alain Uy (The Passage) come Chris Yen, Daniel Cudmore (X-Men – Conflitto Finale) come Keith Spivey e David Meunier (Justified) come Finn Miller. La serie è stata creata e prodotta da Paul Zbyszewski in collaborazione con Karim Zreik e l’ex presidente di Marvel Television Jeph Loeb.

Helstrom

SINOSSI
In Hulu’s Helstrom, Daimon e Ana Helstrom, figli di un misterioso e potente serial killer. Il rapporto tra i due fratelli è complicato ma, ognuno con il proprio carattere e le proprie capacità, cercheranno di individuare e di dare la caccia al peggio dell’umanità.

Fonte