Trinh Tran, produttrice esecutiva dei Marvel Studios, ha commentato le teorie dei fan su Hawkeye e sugli altri progetti dell’MCU.

La scorsa settimana sono stati rilasciati sulla piattaforma di streaming Disney+ i primi due episodi di Hawkeye, la nuova serie prodotta dai Marvel Studios in cui Jeremy Renner ritorna nei panni di Clint Barton a.k.a. Occhio di Falco. Lo show vede l’Avenger nel ruolo di mentore per il personaggio di Kate Bishop (Hailee Steinfeld), un’arciera ventiduenne con il sogno di diventare una supereroina con cui Clint sarà costretto a collaborare.

Nel numero invernale del D23 Magazine ottenuto dal sito The Direct, Trinh Tran, produttrice esecutiva dei Marvel Studios, ha parlato delle teorie su Hawkeye emerse online durante la produzione del progetto e, in particolare, della sua reazione alle fan-theories più fantasiose sui progetti del Marvel Cinematic Universe:

“Cerco di non leggerle troppo, ma a volte è divertente vedere come i fan arrivino a pensare ciò che credono stia succedendo in base a come mettono insieme i vari pezzi. A volte le loro teorie sono azzeccate mentre altre volte mi chiedo come sia possibile arrivare a certe conclusioni.”

Ricordiamo che Hawkeye, scritta da Jonathan Igla (Mad Men) e diretta da Bert & Bertie (Troop Zero) e Rhys Thomas (Staten Island Summer), vede nel cast Jeremy Renner (Clint Barton/Occhio di Falco), Hailee Steinfeld (Kate Bishop), Vera Farmiga (Eleanor Bishop), Fra Fee (Kazi), Tony Dalton (Jack Duquesne), Alaqua Cox (Maya Lopez), Florence Pugh (Yelena Belova), Linda Cardellini (Laura Barton), Zahn McClarnon (William Lopez) e Brian D’Arcy James (Derek Bishop).

Hawkeye

SINOSSI
Marvel Studios’ Hawkeye vede l’ex Vendicatore Clint Barton con una nuova missione, apparentemente semplice: tornare dalla sua famiglia per Natale. Ci riuscirà? Forse con l’aiuto di Kate Bishop, un’arciera ventiduenne con il sogno di diventare una supereroina. I due sono costretti a lavorare insieme quando una presenza dal passato di Barton minaccia di compromettere qualcosa di molto più dello spirito natalizio.

Fonte