Il team creativo formato da Jimmy Palmiotti e Amanda Connor si è rivelato qui vincente per la DC Comics che, affidata Harley Quinn alla coppia di sposini più pazza del fumetto americano, ha raggiunto notevoli risultati, per via anche della storiam sempre più complesso ed intrigante. In molti hanno provato a paragonare questa nuova incarnazione editoriale di Harley Quinn al buon Deadpool della Marvel, dato che molte meccaniche hanno origine da li.

Per realizzare la Cover di Harley Quinn Annual #1, il team creativo ha avuto un’idea folle e geniale allo stesso tempo: infondere nell’albo le fragranze di pelle, crema abbronzante, pizza e puzza misteriosa, in modo da farlo puzzare.  L’idea, ripeto, è davvero bellissima e un po’ tutti i siti d’informazione fumettistica americana, incuriositi dalla cosa, stanno qui iniziando a ricordare da quanto una casa editrice non rilasciava un fumetto “profumato”. Puzza a parte, l’uscita del primo annual di Harley Quinn segna un punto importante a favore del personaggio che, in questo 2014 di grandi uscite e cocenti delusioni, riesce a piazzarsi tra le novità più fresche del carnet di testate offerto dalla DC Comics.