Guardiani della Galassia Vol. 3: Zoe Saldaña riflette sul ‘finale agrodolce’ del rapporto tra Gamora e Peter Quill

ll 3 maggio è uscito al cinema Guardiani della Galassia Vol. 3, il terzo e ultimo capitolo sulle avventure della squadra guidata da Star-Lord (Chris Pratt). Nel film Peter Quill, ancora provato dalla perdita di Gamora dopo gli eventi di Avengers: Infinity War, deve riunire intorno a sé la sua squadra per difendere l’universo dalla minaccia dell’Alto Evoluzionario, oltre a proteggere un membro del team.

Durante un’intervista con The Hollywood Reporter, Zoe Saldaña ha avuto modo di riflettere sulla fine del rapporto tra Peter Quill e Gamora, definendolo “agrodolce”:

C’è qualcosa di davvero agrodolce nella decisione di come Gamora avrebbe finito la sua avventura. Avrei voluto che Gamora, nel capitolo finale, riuscisse a trovare un modo per tornare ad essere una dei Guardiani. Ma questo [tornare da quella che ora è la sua famiglia, i Ravagers] alla fine sembra l’unico modo giusto per chiudere il suo percorso, per via di tutto quello che ha passato.

Alla fine, in ogni variante o multiverso, ha dovuto comunque avere a che fare con Thanos, con quello che le ha fatto, con tutto il trauma e il senso di colpa che ne deriva. Alla fine, qui, trova conforto nei Ravagers, più aperta di quanto lo sia mai stata.

L’attrice conclude dicendo:

Penso che tutto quello che riguardava invece Peter e l’altra versione di sé stessa la disturbasse parecchio, perché anche se non aveva alcuna memoria di chi lui fosse stato per lei… aveva la sensazione che comunque si trattasse di qualcuno di speciale. È una decisione che mi piace, mi regala la speranza che, in futuro, se i Guardiani avessero bisogno dell’aiuto dei Ravagers… forse Gamora e Peter potrebbero trovare di nuovo un modo di intrecciare le loro vite, anche se solo come amici.