James Gunn svela quali personaggi della Casa delle Idee non possono legalmente apparire in Guardiani della Galassia Vol.3.

Dopo una pausa dalla produzione in seguito al temporaneo licenziamento di James Gunn da parte della Disney, lo scorso novembre sono iniziate ufficialmente le riprese di Guardiani della Galassia Vol.3. Questo terzo capitolo rappresenterà la fine dell’attuale formazione della squadra che conosciamo gettando le basi per qualcosa di nuovo e concluderà l’arco narrativo di alcuni personaggi.

In una serie di post sul suo profilo Twitter, James Gunn ha risposto ad alcune domande dei suoi follower e ha svelato quali personaggi della Casa delle Idee vorrebbe utilizzare prima o poi in un film dei Marvel Studios, raccontando alcuni retroscena inediti come da tradizione. In particolare, Gunn ha spiegato che i Marvel Studios non possiedono i diritti di sfruttamento cinematografico di Rom il Cavaliere Spaziale, personaggio che il regista avrebbe inserito volentieri nei suoi Guardiani della Galassia:

Sfortunatamente non posso utilizzare dato che la Marvel non possiede più i diritti di Rom… solo di qualche altro Cavaliere Spaziale e di parti della storia creata nei fumetti… altrimenti, credimi, quel vecchio tostapane probabilmente sarebbe stato nei Guardiani a quest’ora.”

Nel momento in cui l’utente @BarsnBolts gli ha chiesto se la voce secondo cui la Paramount avesse avuto il via libera dalla Marvel per realizzare un film incentrato interamente su Rom, il regista ha risposto:

“Non è stato necessario. La Marvel non possiede i diritti.”

In un secondo momento un altro utente ha domandato “Sarebbe bello vedere Bug, ma immagino che ci siano dei problemi di diritti, giusto?” e Gunn ha risposto semplicemente con un “” senza entrare nello specifico.

Per chi non li conoscesse, la storia editoriale di questi due personaggi è decisamente complessa. Rom venne creato inizialmente come action figure di nome Cobol e, per aumentare le vendite del giocattolo, la Parker Brothers decise di dare in licenza il personaggio alla Marvel Comics che pubblicò una serie a fumetti intitolata Rom: Spaceknight durata 75 numeri scritta da Bill Mantlo e disegnata da Sal Buscema. Nel 2015, tuttavia, i diritti del personaggio sono stati acquistati dalla Hasbro nonostante le numerose iterazioni tra Rom e i supereroi dell’Universo Marvel fumettistico.

Non troppo diversa è la storia di Bug, personaggio creato originariamente da Bill Mantlo e Michael Golden con il nome di Galactic Warrior (Guerriero Galattico) che, pur essendo apparso per la prima nel 1979 sulle pagine di Micronauts #1, era ispirato alle figures di una serie di giocattoli giapponese prodotta dalla Takara Co. Ltd. di cui la Marvel Comics non possedeva i diritti. Dopo aver cambiato il nome del personaggio, la casa editrice ha inserito Bug tra i membri della nuova formazione dei Guardiani della Galassia introdotta a partire dal 2007. Il personaggio di Bug, peraltro, era presente in una versione scartata della sceneggiatura di Guardiani della Galassia (2014) insieme alla sua razza aliena (cambiata alla fine con i Sakaarans).

Ricordiamo che Guardiani della Galassia Vol.3, scritto e diretto da James Gunn e previsto per il 5 maggio 2023, vedrà nel cast Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Bradley Cooper (Rocket Raccoon), Vin Diesel (Groot), Karen Gillan (Nebula), Will Poulter (Adam Warlock), Elizabeth Debicki (Ayesha), Sean Gunn (Kraglin) e Sylvester Stallone (Stakar Ogord).

SINOSSI
Guardiani della Galassia Vol.2 dei Marvel Studios continua le avventure della squadra nell’esplorazione delle zone più esterne del cosmo. I Guardiani devono lottare per mantenere unita la loro famiglia e per svelare i misteri della vera discendenza di Peter Quill. Vecchi nemici diventano nuovi alleati e alcuni personaggi preferiti dai fan dei fumetti classici verranno in aiuto dei nostri eroi; l’Universo Cinematografico Marvel continua ad espandersi.

Fonte