ll 3 maggio 2023 uscirà al cinema Guardiani della Galassia Vol. 3, il nuovo capitolo sulle avventure dei nostri pirati spaziali preferiti nuovamente diretti da James Gunn, presso gli studios di Atlanta. Come anticipato in passato, questo terzo capitolo rappresenterà la fine dei Guardiani della Galassia per come li conosciamo, gettando anche le basi per qualcosa di nuovo.

LEGGI ANCHE:

Durante un’intervista con EW, il regista James Gunn ha svelato alcuni dettagli sulla trama del terzo capitolo e ha riflettuto sull’evoluzione dei personaggi nel corso della trilogia:

Facendo questi film, penso di aver imparato che bisogna concentrarsi davvero sui personaggi, cosa che ho cercato di fare fin dall’inizio. Il motivo per cui ho scelto i Guardiani in primo luogo è stato perché ho iniziato a capire chi fosse Rocket. Ho già raccontato questa storia molte volte, ma per me era il personaggio più triste dell’universo. Era completamente solo. Era un animale innocente che è stato trasformato in qualcosa di diverso da ciò che era “destinato” ad essere, tra molte virgolette. Tutto è iniziato con quello. È iniziato con un personaggio davvero onesto, per quanto sciocco possa essere quel personaggio perché si chiama Rocket Raccoon. Quindi, iniziare con quell’onestà e quell’autenticità ti dà molta libertà di andare in molti posti diversi.

Il regista ha svelato di avere sempre avuto in mente l’arco narrativo di ciascuno dei personaggi:

Sapevo quale sarebbe stata la storia complessiva di base fin dall’inizio, e penso che abbia funzionato molto ben. [Volevo sapere dove stavano andando, cosa sarebbe successo loro, come sarebbero cambiati. Ricordo di aver parlato con Karen Gillan quando è entrata per la prima volta in ufficio, le ho mostrato alcuni dei concept art per il look di Nebula. Le ho detto: ‘In questo film, lei è una cattiva persona. È un personaggio minore, ma diventerà una Guardiana della Galassia. Sarà un personaggio principale, e sarà davvero un buon personaggio. chi ameremo’. Solitamente cerco di non dire agli attori cose del genere, perché le cose cambiano in continuazione… ma tutto si è concretizzato. Tutto ciò che abbiamo pianificato per Nebula è lì. E onestamente, è uno dei personaggi preferiti della gente in Vol. 3. È così brava in quel film, ed è perché è cresciuta e cambiata. Non è rimasta la stessa.

Ci sono tanti franchise che fanno affidamento su personaggi che fingono di star cambiando o di avere archi narrativi, ma non lo fanno, e questo non è vero per i Guardiani della Galassia. Questi personaggi hanno completamente e completamente cambiato chi sono e cosa è importante per loro nel corso di tre film. Quindi penso che sia davvero questo il punto: permettere ai personaggi di cambiare.