James Gunn non sapeva che la Marvel non avesse i diritti di Ego quando lavorò allo script di Guardiani della Galassia Vol.2

Dopo l’enorme successo dei film sui Guardiani della Galassia, James Gunn è diventato uno dei registi più apprezzati di Hollywood nonché uno dei più attivi sulle piattaforme social. Oltre a fornire costanti aggiornamenti sullo stato della produzione dei propri progetti e a rispondere alle domande e alle curiosità dei suoi follower, il cineasta tende spesso a raccontare alcuni retroscena sul processo produttivo dei film e a smentire alcuni rumor che si diffondono online.

In una serie di tweet, James Gunn ha svelato nuovi retroscena sulla lavorazione di Guardiani della Galassia Vol.2 (2017), soffermandosi in particolare sulla complicata storia dei diritti di Ego il Pianeta Vivente (Kurt Russell). Non tutti ricordano che nel 2016 la 20th Centuty Fox, detentrice dei diritti di sfruttamento cinematografico del personaggio, propose un accordo ai Marvel Studios per riavere Ego in cambio di alcune concessioni legate a Testata Mutante Negasonica (interpretata da Brianna Hildebrand in Deadpool di Tim Miller). A quanto pare, tuttavia, Gunn non era a conoscenza del fatto che lo studio di Kevin Feige non possedesse i diritti di Ego pur avendolo già reso una parte fondamentale della sceneggiatura:

“Se ricordo correttamente, la Fox voleva che Testata Mutante Negasonica fosse in grado di usare i suoi poteri, che erano in parte di proprietà della Marvel (queste cose sono molto complicate), e ci permisero di usare Ego in cambio… senza sapere che lo avevo già reso l’antagonista principale di Guardiani della Galassia Vol.2

Mi venne detto che possedevamo i diritti del personaggio, ma era un errore. Non ho scoperto che non avevamo i diritti del personaggio fino a quando l’accordo non è stato siglato. Grazio a Dio perché [Ego] era profondamente radicato nello script.”

Quando gli è stato chiesto se avesse un piano di emergenza nel caso in cui non fosse stato possibile utilizzare Ego nella pellicola, Gunn ha spiegato:

Non avevo un piano di riserva perché non avevo idea che i diritti rappresentassero un problema. Se fosse cambiato prima che iniziassi a scrivere avrei potuto inventarmi qualcos’altro, ma ciò avvenne a poche settimane dall’inizio delle riprese. Penso che David Ayer [il regista di Suicide Squad] sappia quanto sia difficile cambiare l’antagonista poco prima delle riprese!”

Ricordiamo che Guardiani della Galassia Vol.2, scritto e diretto da James Gunn, vede nel cast Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Bradley Cooper (Rocket Raccoon), Vin Diesel (Groot), Michael Rooker (Yondu Udonta), Karen Gillan (Nebula), Pom Klementieff (Mantis), Kurt Russell (Ego il Pianeta Vivente), Elizabeth Debicki (Ayesha), Chris Sullivan (Taserface) e Sean Gunn (Kraglin).

Guardiani della Galassia Vol.2

SINOSSI
Guardiani della Galassia Vol.2 dei Marvel Studios continua le avventure della squadra nell’esplorazione delle zone più esterne del cosmo. I Guardiani devono lottare per mantenere unita la loro famiglia e per svelare i misteri della vera discendenza di Peter Quill. Vecchi nemici diventano nuovi alleati e alcuni personaggi preferiti dai fan dei fumetti classici verranno in aiuto dei nostri eroi; l’Universo Cinematografico Marvel continua ad espandersi.

Fonte