Durante una recente intervista, il regista James Gunn ha parlato di Guardiani della Galassia 2, in uscita nel 2017.

“Sono veramente ispirato, Tutta la storia è già scritta, e sono veramente eccitato. Vedremo nuovi mondi ed esploreremo un po’ di più quelli già visti”

Naturalmente ha affermato la volontà di non ripetersi con questo seguito, a differenza di film come James Bond:

«Guardiani della Galassia non avrà nulla a che vedere con certi franchise dall’aspetto decisamente statico. per esempio, io adoro James Bond, soprattutto il lavoro fatto da Sam Mendes per Skyfall e anche Casino Royale, che fanno eccezione rispetto ad un modello narrativo che rimane invariato in ogni episodio: il personaggio non si evolve, fa sempre le stesse cose e non subisce alcuna incrinatura. Quello che invece vorrei fare con Guardiani della Galassia è costruire un’opera in movimento, in continuo cambiamento e in cui scopriamo che alcuni personaggi sono più cattivi di quello che sembrano, mentre altri nascondono un lato migliore di quello mostrato in apparenza. Sarà molto divertente e interessante sviluppare questo tipo di approfondimento con il tempo.»

Gunn avrà anche un ruolo (se non da regista) almeno da ‘consulente’ per Avengers: Infinity War?

“Sono sincero, non ho ancora deciso” ammette “ovviamente amo l’universo Marvel e quello cosmico, significano molto per me. Vedremo”.