In questo speciale abbiamo elencato tutti gli easter egg presenti nel finale di The Falcon and The Winter Soldier.

ATTENZIONE: SPOILER SUL SESTO EPISODIO DI THE FALCON AND THE WINTER SOLDIER


Questa mattina è stato rilasciato sulla piattaforma di streaming Disney+ il sesto ed ultimo episodio di The Falcon and The Winter Soldier, il nuovo show dei Marvel Studios incentrato su Sam Wilson/Falcon (Anthony Mackie) e Bucky Barnes/Soldato d’Inverno (Sebastian Stan). In questo speciale abbiamo analizzato gli easter egg presenti nella puntata – intitolata “Un mondo, un popolo” – che potrebbero esservi sfuggiti.

ALL-NEW CAPTAIN AMERICA

Quando prendo in mano questo scudo, milioni di persone nel paese mi odiano. Lo so per certo. Anche adesso.

È innegabile: il finale di The Falcon and The Winter Soldier rappresenta una lettera d’amore alle storie a fumetti che vedono protagonista Sam Wilson nei panni di Captain America scritte da Rick Remender e Nick Spencer tra il 2014 e il 2016. Il costume che Sam indossa nella puntata, inoltre, è fortemente ispirato a quello della controparte fumettistica del personaggio e allo stile grafico di Stuart Immonen e di Daniel Acuña.

The Falcon and The Winter Soldier

REDWING

Nel secondo episodio, come sappiamo, Karli Morgenthau (Erin Kellyman) aveva spezzato in due Redwing, il drone da combattimento, sorveglianza e ricognizione di Sam. Per fortuna i Wakandiani non si sono limitati a fornirgli un costume da Captain America e delle nuove ali ma hanno provveduto a costruire un nuovo Redwing che molto probabilmente rivedremo in futuro.

The Falcon and The Winter Soldier

BLACK FALCON

Quello lì è proprio Black Falcon!

No, è Captain America.

Anche in questa puntata Sam viene chiamato dalla gente comune “Black Falcon“, nomignolo già utilizzato da un bambino nel secondo episodio. Pur trattandosi apparentemente di una battuta, in realtà questo appellativo fa riferimento al fatto che negli anni ’70/’80 il nome da supereroe di diversi personaggi di colore dei fumetti includeva la parola “Black”. Basti pensare, ad esempio, a Bill Foster a.k.a. Black Goliath (la cui identità è stata cambiata in Golia solo nel 2006) o a Black Lightning della DC Comics.

The Falcon and The Winter Soldier

POWER BROKER

Quando sei venuta da me a Madripoor mi hai ricordato me da giovane. Ti ho accolta. Ti ho dato un’opportunità. E tu mi hai tradita.

Nel finale scopriamo che Sharon Carter (Emily VanCamp) è in realtà il Power Broker e che il suo obiettivo era creare un esercito di Super Soldati con la nuova versione del Siero ideata da Wilfred Nagel. Successivamente Sharon spara Batroc (Georges St-Pierre) – il quale aveva chiesto il quadruplo dei soldi avendo scoperto i suoi trascorsi con Morgenthau – e, dopo essere stata ferita da Karli, salva Sam uccidendo la leader dei Flag Smashers.

The Falcon and The Winter Soldier

ABRAHAM LINCOLN

Nella scena in cui i membri restanti dei Flag Smashers vengono arrestati dalla polizia, John Walker (Wyatt Russell) esclama “La pietà porta frutti più ricchi della mera giustizia“. Si tratta di una delle frasi più celebri sulla giustizia pronunciate da Abraham Lincoln, il sedicesimo presidente degli Stati Uniti d’America.

CAPTAIN FALCON

Uno dei soprannomi con cui Sam viene chiamato dai giornalisti è “Captain Falcon“. Oltre ad essere uno degli alias più utilizzati per riferirsi (erroneamente) a questa versione della Sentinella della Libertà, Captain Falcon è un personaggio del videogioco F-Zero pubblicato nel 1990 per Super Nintendo Entertainment System.

IL RAFT E ZEMO

Dopo essere stato arrestato dalle Dora Milaje, il Barone Zemo (Daniel Brühl) è stato rinchiuso nel Raft, ossia il carcere di massima sicurezza situato nell’Oceano Atlantico che abbiamo già visto in Captain America: Civil War (2016). Nonostante ciò, Zemo è riuscito ugualmente ad operare nell’ombra ordinando al suo maggiordomo Oeznik (Nicholas Pryor) di far saltare in aria i Flag Smashers.

The Falcon and The Winter Soldier

The Falcon and The Winter Soldier

U.S. AGENT

Una delle scene più importanti dell’episodio è rappresentata di certo dall’esordio di U.S. Agent. Nel finale la Contessa Valentina Allegra de Fontaine (Julia Louis-Dreyfus) fornisce a John Walker un costume con un design identico a quello di Captain America ma interamente nero. Proprio come nel caso di Sam Wilson, anche il costume di U.S. Agent è stato adattato alla perfezione sullo schermo. Resta da capire, a questo punto, quali siano i piani di “Val” e quando e dove rivedremo John Walker nel MCU.

The Falcon and The Winter Soldier

BLACK HISTORY

Tra le tante personalità menzionate da Isaiah Bradley (Carl Lumbly) occorre ricordare Malcolm X, Martin Luther King e Nelson Mandela, ognuno dei quali ha lottato (seppur in modo diverso) per i diritti civili della comunità afroamericana.

LA STORIA DI ISAIAH

Grazie a Sam, lo Smithsonian ha aggiunto un’area della mostra su Captain America dedicata a Isaiah Bradley. In un pannello è possibile leggere la storia di Isaiah nel Marvel Cinematic Universe:

Isaiah Bradley è un eroe americano il cui nome è rimasto sconosciuto per troppo tempo. Isaiah era uno di una dozzina di Super Soldati afroamericani che furono reclutati contro la loro volontà e senza il loro consenso per la partecipazione alla sperimentazione umana al fine di replicare il Siero del Super Soldato. La maggior parte di loro non è sopravvissuta. I pochi che hanno superato i test sono stati inviati in missioni segrete durante la Guerra di Corea. Nel corso del conflitto, contro ogni pronostico, Isaiah Bradley ha salvato i suoi commilitoni e altri 28 prigionieri di guerra da dietro le linee nemiche.

Timorosi delle ripercussioni sull’esistenza di un Super Soldato nero, alcuni esponendo del Governo hanno cercato di cancellare Isaiah dalla storia. La sua famiglia ha ricevuto un falso certificato di morte, e per decenni la verità del suo implacabile coraggio è stata sepolta.

The Falcon and The Winter Soldier

The Falcon and The Winter Soldier

IL NUOVO TITOLO

Al termine dell’episodio il titolo della serie cambia da The Falcon and The Winter Soldier a Captain America and The Winter Soldier per indicare il passaggio di consegne definito dello scudo di Steve Rogers. Sarà questo il titolo di una potenziale seconda stagione? I Marvel Studios non hanno ancora annunciato ufficialmente i loro piani per il futuro di Sam e Bucky nel MCU ma la possibilità di vedere un nuovo progetto intitolato in questo modo si fa sempre più concreta.

The Falcon and The Winter Soldier

LA SCENA MID-CREDITS

Il cognome Carter è sempre stato sinonimo di lealtà e fiducia.

Nella scena a metà dei titoli di coda, vediamo il Governo degli Stati Uniti che concede finalmente la grazia a Sharon Carter. Una volta uscita dall’aula di tribunale, tuttavia, Sharon chiama al telefono un misterioso interlocutore intimandolo di dire ai propri clienti “di prepararsi” e che, nonostante la morte dei Super Soldati, ora avrà “accesso a segreti governativi, armi sperimentali e molto altro“. Quali sono le vere intenzioni di Sharon? Con chi stava parlando? A quali compratori faceva riferimento? Tutte domande senza risposta… al momento.

The Falcon and The Winter Soldier

Ricordiamo che The Falcon and The Winter Soldier, scritta da Derek Kolstad (John Wick) e Malcolm Spellman (Empire) e diretta da Kari Skogland (The Handmaid’s Tale), vedrà nel cast Anthony Mackie (Sam Wilson/Falcon), Sebastian Stan (Bucky Barnes/Soldato d’Inverno), Emily VanCamp (Sharon Carter/Agente 13), Daniel Brühl (Helmut Zemo), Wyatt Russell (John Walker/U.S. Agent), Georges St-Pierre (Batroc il Saltatore), Erin Kellyman (Karli Morgenthau/Flag Smasher), Don Cheadle (James “Rhodey” Rhodes/War Machine), Adepero Oduye (Sarah Wilson), Danny Ramirez (Joaquin Torres), Desmond Chiam (Dovich), Carl Lumbly (Isaiah Bradley) e Elijah Richardson (Elijah “Eli” Bradley).

SINOSSI
Dopo gli eventi di Avengers: Endgame, Sam Wilson/Falcon (Anthony Mackie) e Bucky Barnes/Winter Soldier (Sebastian Stan) si uniscono per un’avventura globale che metterà alla prova le loro abilità e la loro pazienza.