Lo showrunner di The Falcon and The Winter Soldier ha parlato delle analogie tra il Blip e la pandemia da Covid-19.

Lo scorso venerdì è stato rilasciato sulla piattaforma di streaming Disney+ il primo episodio di The Falcon and The Winter Soldier, il nuovo show prodotto dai Marvel Studios e incentrato su Sam Wilson/Falcon (Anthony Mackie) e Bucky Barnes/Soldato d’Inverno (Sebastian Stan) che porterà avanti l’eredità di Captain America nell’Universo Cinematografico Marvel dopo gli eventi di Avengers: Endgame (2019).

Nel corso di una nuova intervista promozionale concessa a Deadline, lo showrunner e creatore di The Falcon and The Winter Soldier Malcom Spellman ha discusso delle analogie tra il Blip e l’emergenza sanitaria, lasciando intendere che prima o poi il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige parlerà apertamente del modo in cui la pandemia da Covid-19 ha cambiato ed influenzato i piani originali per la serie:

Una delle cose di cui vado più fiero di questo progetto è quanto sia stato lungimirante prima di tutto questo [della pandemia]. Sogno il giorno in cui Kevin [Feige] parlerà della versione di questa serie che non è andata avanti perché penserete che avevamo una sfera di cristallo, e penso sia una di quelle cose che succedono quando permetti alle persone di colore di essere coinvolte nel processo creativo. Abbiamo una comprensione piuttosto unica della società e della cultura. Quando ci siamo riuniti abbiamo scelto il Blip come fonte primaria del conflitto, nel senso che l’intera serie è caratterizzata da villain che reagiscono al Blip e da persone sparse per il mondo che stanno reagendo a ciò che è successo con il Blip. Lo abbiamo fatto perché sapevamo già che il caos originato dal Blip ricordava l’anarchia che sentivamo nel mondo in generale in quel periodo.”

“In realtà, quando è arrivato il Covid e ci hanno chiuso in casa, siamo stati in grado di individuare, con molta leggerezza, ancora più connessioni tra l’MCU e il mondo attuale in cui viviamo. Ma penso che il modo in cui ci siamo avvicinati a tutto questo fin dall’inizio sia un testamento al nostro team creativo, sin dalla prima volta che ci siamo riuniti.”

Nel momento in cui gli è stato chiesto se lo show approfondirà anche lo status delle Stark Industries in seguito alla morte di Tony Stark/Iron Man in Avengers: Endgame e se Pepper Potts (Gwyneth Paltrow) è ancora a capo della società, lo showrunner ha dichiarato:

Questa serie in particolare esplora solo le conseguenze del Blip. Non ci siamo addentrati in quel territorio.”

Ricordiamo che The Falcon and The Winter Soldier, scritta da Derek Kolstad (John Wick) e Malcolm Spellman (Empire) e diretta da Kari Skogland (The Handmaid’s Tale), vedrà nel cast Anthony Mackie (Sam Wilson/Falcon), Sebastian Stan (Bucky Barnes/Soldato d’Inverno), Emily VanCamp (Sharon Carter/Agente 13), Daniel Brühl (Helmut Zemo), Wyatt Russell (John Walker/U.S. Agent), Georges St-Pierre (Batroc il Saltatore), Erin Kellyman (Karli Morgenthau/Flag Smasher), Don Cheadle (James “Rhodey” Rhodes/War Machine), Adepero Oduye (Sarah Wilson), Danny Ramirez (Joaquin Torres), Desmond Chiam, Elijah Richardson, Noah Mills e Carl Lumbly.

Falcon and The Winter Soldier

SINOSSI
Dopo gli eventi di Avengers: Endgame, Sam Wilson/Falcon (Anthony Mackie) e Bucky Barnes/Winter Soldier (Sebastian Stan) si uniscono per un’avventura globale che metterà alla prova le loro abilità e la loro pazienza.

Fonte