Ezra Miller parla pubblicamente per la prima volta dei suoi atteggiamenti, chiedendo scusa e riconoscendo di soffrire di problemi di salute mentale complessi.

Come spiegato recentemente dal presidente di Warner Bros. Discovery David Zaslav, nonostante le numerose accuse rivolte ad Ezra Miller il film The Flash previsto per il prossimo giugno uscirà al cinema.

Come ben saprete, negli ultimi mesi Miller ha fatto ampiamente parlare di sé e diverse persone lo hanno accusato di violenze ed abusi psicologici, ottenendo anche delle ordinanze protettive. Tutto questo è culminato in due arresti alle Hawaii e con un furto con scasso per il quale dovrà presentarsi a settembre in tribunale.

Fortunatamente, dopo essersi ricongiunto con la madre, la star di The Flash è pronta a cambiare vita. In nottata, con un comunicato ufficiale diffuso a Deadline, Ezra Miller ha chiesto pubblicamente scusa per i suoi atteggiamenti, riconoscendo di soffrire di problemi di salute mentale complessi:

Voglio chiedere scusa a tutti coloro che ho allarmato e sconvolto con i miei precedenti atteggiamenti. Mi impegnerò a fare tutto il necessario per tornare ad una fase sana, sicura e produttiva della mia vita

Ho attraversato una crisi intensa, ora capisco che sto soffrendo di problemi di salute mentale complessi ed ho iniziato i trattamenti necessari.

Questo si ricollega perfettamente a quanto ipotizzato da THR la scorsa settimana, secondo il quale Warner Bros. stava valutando tre diverse opzioni per The Flash, dalla cancellazione completa fino alle scuse pubbliche di Miller.

Secondo il sito, Warner Bros. ipotizzava per la migliore delle ipotesi in un’intervista di Miller per spiegare tutti questi suoi atteggiamenti, per chiedere scusa e per annunciare pubblicamente di aver iniziato un percorso di cure.

A fronte di ciò, la major farà uscire il film al cinema come pianificato, facendo partecipare Miller a pochissime interviste dopo le sue scuse pubbliche.

Fonte