Arrivano le ennesime accuse ad Ezra Miller, questa volta da parte della polizia del Vermont, in quanto è stato ripreso mentre faceva un furto.

Come ben saprete, in questi ultimi mesi Ezra Miller (interprete di Flash al cinema) ha fatto ampiamente discutere a causa dei suoi atteggiamenti. Dopo aver “seminato” panico alle Hawaii, ha ricevuto un’accusa per aver “fornito ad una ragazza minorenne alcolici, marijuana e LSD” e di aver usato “violenza, intimidazioni, minacce, paura, paranoia e droghe per avere il controllo di questa ragazza“.

Secondo quanto riportato dal Los Angeles Times, i genitori della ragazza hanno anche ottenuto con successo un ordine protettivo temporaneo di 30 giorni  – ovvero un ordine del tribunale per proteggere una persone da molestie, che intima all’accusato di cessare ogni contatto con la vittima – nei confronti della star a seguito della loro denuncia… che apparentemente è stato anche violato!

Successivamente si sono susseguite tante altre accuse a Miller, che inevitabilmente hanno gettato nell’ombra l’intero progetto su Flash.

Recentemente Business Insider ha pubblicato un nuovo report sullo status di Miller, spiegando che secondo le loro fonti sta guidando senza meta negli Stati Uniti portando con sé almeno un’arma da fuoco ed indossando un giubbotto antiproiettile. Il motivo? teme di essere inseguito dall’FBI (a seguito delle ultime accuse) o dal Ku Klux Klan.

Oggi invece, sono arrivate le ennesime accuse, di giorno in giorno sempre più preoccupanti: La polizia di stato del Vermont ha infatti messo in stato d’accusa Ezra Miller per furto con scasso in una abitazione di Stamford.

Nello specifico, Miller ha scassinato un’abitazione alle 5.55 del pomeriggio del primo maggio e, secondo i filmati di sicurezza, ha rubato svariati alcolici!

La polizia ha quindi notificato questo stato d’accusa il 7 agosto alla star di The Flash, che dovrà presentarsi in tribunale presso la Corte del Vermont il 26 settembre per il giudizio.

Fonte