Ezra Miller accusato di aver gestito un culto segreto a Reykjavik, ecco diverse testimonianze portate alla luce da Insider. 

Come ben saprete, in questi ultimi mesi Ezra Miller (interprete di Flash al cinema) ha fatto ampiamente discutere a causa dei suoi atteggiamenti, che mese dopo mese si sono fatti sempre più grotteschi, arrivando a minare negativamente persino The Flash. Dopo aver “seminato” panico alle Hawaii, ha ricevuto un’accusa per aver “fornito ad una ragazza minorenne alcolici, marijuana e LSD” e di aver usato “violenza, intimidazioni, minacce, paura, paranoia e droghe per avere il controllo di questa ragazza“.

Successivamente si sono susseguite tante altre accuse a Miller, che attualmente si trova in fuga negli Stati Uniti senza meta (vagando con armi e giubbotto antiproiettile temendo di essere inseguito dall’FBI) dopo essere stato messo in stato d’accusa dalla polizia del Vermont per furto con scasso.

Nel frattempo, sono arrivate le ennesime accuse, ma in questo caso non sono state ancora portate in tribunale.

Stando ad un report del sito Insider, Miller è stato (anche) leader di quello che viene definito come un culto, in quanto ha affittato un’intera abitazione a Reykjavik, in Islanda, che ha ribattezzato una “casa per artisti islandesi, espatriati e guide spirituali“, tutte persone che lo stesso Miller ha ospitato ed incoraggiato a vivere lì, anche se in molti avevano le loro case a Reykjavik.

Una donna rimasta anonima, che ha visitato questa abitazione a marzo del 2020, ha spiegato che le persone erano “ipnotizzate” da ogni singola parola di Miller e non erano minimamente turbate dai suoi pesanti sbalzi d’umore Nella città di Reykjavik ha iniziato quindi a spargersi questa voce secondo cui Miller stava gestendo segretamente un culto, questo a causa dei suoi monologhi sulla spiritualità e sugli sfoghi emotivi, senza contare che alludeva spesso all’idea che avesse dei poteri sovrannaturali.

Alludeva spesso all’idea di possedere dei poteri sovrannaturali, secondo due persone differenti, spiegando i suoi ospiti a partecipare a meditazioni di gruppo. Parlava loro del destino e dell’importanza della giustizia sociale per i gruppi più emarginati.

Tuttavia, non tutti quelli che hanno visitato la casa di Miller ne sono rimasti ammaliati. Una donna di 23 anni ha raccontato di aver visto Miller infuriarsi per problematiche a dir poco banali, imprecando e urlando contro un gruppo di amici che stavano semplicemente cambiando una canzone alla radio, obbligandoli quindi ad uscire dal suo “santuario“.

Passava continuamente dall’essere un proprietario di casa gentile ad una persona estremamente furiosa.

La donna ha anche raccontato che Miller ha convinto lei ed una sua amica ad abbandonare questa abitazione, esclamando “non ti piace la mia ospitalità”… e spiegando che poteva leggere i loro pensieri!

“Sono rimasta traumatizza a lungo… è stato uno dei giorni più strani della mia vita.”

Andando avanti con le accuse, un’altra ragazza ha condiviso la sua esperienza con la star di Flash, raccontando di essere andata a letto con Miller per tre volte in un albergo, isolandosi completamente dai suoi familiari ed i suoi amici, tutto questo mentre era sotto dipendenza da droghe.

L’accusa si fa ancora più agghiacciante, in quanto Miller le ha esclamato “la tua famiglia ti sta allontanando da una vita migliore, devi lasciare tutto alle spalle per avere un futuro migliore,  tutto questo mentre era “fissato per le sue capacità riproduttive e le sussurrava al grembo“.

Per sei giorni, si sono susseguiti abusi verbali, insulti e sbalzi d’umore, in quanto Ezra si infuriava di continuo, anche per delle semplici parole errate.

A volte, mi guardava negli occhi e mi diceva “ti amo”, era gentile e piacevole… subito dopo però, mi diceva che ero disgustosa. Ezra è un grande manipolatore. Ci teneva tutti sotto controllo. È in grado di distorcere e farti dimenticare tutto ciò che pensi di sapere sul mondo.

Dopo questa esperienza, la ragazza ha parlato di questa spiacevole esperienza con una sua amica, che le ha spiegato che i leader delle grandi sette promettono risvegli spirituali e rivoluzioni esistenziali per manipolare le persone ed isolarle dai loro amici e familiari:

Era esattamente la stessa situazione in cui mi sono ritrovata con Ezra, questo mi ha terrorizzato.

10 giorni dopo, Miller ha abbandonato Reykjavik per “terrorizzare” altre città, ma non prima di mettere le mani sul collo ad una ragazza in un locale islandese, con un video divenuto rapidamente virale.

Fonte 1 Fonte 2