Durante un’intervista Scott Snyder e John Romita Jr. hanno parlato della nuova serie All-Star Batman, che farà parte del rilancio editoriale Rebirth, rivelando nuovi dettagli sullo sviluppo dei villain – in particolare di Due Facce:

SnyderSapevo che c’erano ancora delle storie importanti che volevo raccontare dopo la run con Greg [Capullo], specie con certi nemici di Batman, su cui non avevo ancora avuto la possibilità di scrivere. Alla DC mi hanno chiesto se intendevo continuare a lavorare su Batman e se preferivo collaborare con un singolo artista. Io non sapevo quanto John fosse disponibile in quel momento, ma ultimamente avevo una gran voglia di collaborare con lui. Quando ho scoperto che era libero, il primo step è stato trovare insieme un modo per raccontare Due Facce in maniera differente.

Avevo questa idea di renderlo una sorta di “signore delle informazione segrete”, qualcuno che fondamentalmente fosse in grado di usare tutti i meccanismi possibili per monitorare il crimine, così come faceva quando era Procuratore Distrettuale. Qualunque materiale segreto, lui lo conosce. È in grado di rivelare il lato mostruoso che alberga in tutti noi, qualcosa che nessuno vuole mostrare agli altri. È un personaggio davvero spaventoso.

Poi ho realizzato che la sua storyline doveva essere raccontata “per strada”, in una location che fosse più vasta della stessa Gotham. Si è rivelato incredibilmente divertente dar vita a questo racconto in cui Batman è impegnato in un’avventura per le strade, ad alta velocità e assieme a Due Facce.

Romita Jr. in questa storia siamo in aperta campagna. Ho dovuto cercare diversi riferimenti per i camion e le motoseghe, cosa che ha richiesto del tempo. Ma quando ci siamo seduti e Scott mi ha raccontato lo scopo di questa storia, ho pensato che fosse qualcosa di davvero figo. Ha risvegliato il bambino che è in me.

I due hanno poi parlato del rapporto tra Batman e la sua città:

SnyderConsiderando quanto fatto su Batman, penso che Gotham sia un personaggio centrale di quelle storie. Ero abituato a quella città. Personalmente non ho mai visto Batman in una storia “road trip” in cui è incatenato a Due Facce. Sulla carta, si tratta di un viaggio di soli cinquecento chilometri, ma è allo stesso tempo qualcosa di molto ambizioso. È una nuova vita per Batman.

Infine si è parlato Duke Thomas, personaggio che sembra destinato ad essere il nuovo Robin:

Snyder – Ovviamente sarebbe grandioso avere la possibilità di introdurre un nuovo Robin, ma non si può decidere di creare un nuovo Robin dall’oggi al domani, perché è qualcosa di grosso. Quello che è importante per me è fare di Duke un personaggio al quale i lettori rispondano positivamente. 

Abbiamo la possibilità di dargli un ruolo centrale, sviluppando un concetto nuovo riguardo questa “ruota d’addestramento” di Batman, attraverso la quale sono passati tutti i Robin precedenti, consapevolmente o meno.