Lo sceneggiatore ci parla della situazione nella nuova miniserie.

Manca ormai poco all’uscita di Dark Nights: Metal, evento della DC Comics che rivedrà il team di Batman dei Nuovi 52, Scott Snyder e Greg Capullo. La saga darà un forte scossone agli eroi, sopratuto sulla Justice League:

“Stiamo lavorando con grande anticipo, avendo già strutturato il progetto da tempo. Solo lo scorso weekend, abbiamo ulteriormente consolidato le novità in arrivo subito dopo la conclusione di Metal, tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019.

Ci teniamo che i lettori sappiano che la DC comprende appieno le loro esigenze, e questo sin dal lancio di Rinascita. Il nostro motto è: vogliamo andare avanti e realizzare più fumetti che, nello stesso spirito di Rinascita, siano qualcosa di avveniristico, e non solo storie che celebrino il passato riconnettendoci alle saghe e ai personaggi che abbiamo amato.

Ho iniziato a pensare a questa storia, in termini generici, mentre stavamo lavorando alla minisaga Gioco Finale. Volevo dar vita a un grande mistero per Batman, che avrebbe indagato su un caso aperto da secoli, sul quale ha lavorato anche Hawkman, un grande detective del passato. E poi, tornando al presente, avrebbe compreso che c’è troppo in gioco, tanto da fargli decidere di non voler risolvere il caso, perché spaventato da ciò che potrebbe scoprire.

Tutto questo ci porta in nuovi territori. I semi di questa storia sono presenti nel lavoro fatto in passato da me e Greg. Se tornate a leggere Batman #51 e altri albi di quel periodo, noterete che ci sono passaggi che descrivono letteralmente ciò che sta per arrivare con Metal #1 e #2. Pianifichiamo questa storia da molto tempo.”

Successivamente poi si è parlato di Shazam e Hawkman:

È parte della storia, anche se è scomparso da un po’ di tempo. Il che non rappresenta questo gran mistero, ma c’è una storia firmata da Jeff Lemire e Bryan Hitch intitolata Hawkman: Foundche si svolge proprio nel bel mezzo della saga: è facile intuire che ritornerà.

Abbiamo grandi piani anche per lui. Si tratta di un personaggio sul quale ho messo gli occhi da tempo, sin da quando ho iniziato a pensare a questa storia. C’è stato un momento in cui ho persino pensato di scrivere di lui dopo aver terminato il mio lavoro su Batman.

Ma pensando alla natura di ciò che faremo e le storie che nasceranno per lui, non potrei essere più entusiasta della direzione che gli autori che si occuperanno di Hawkman stanno prendendo.

Non sono autorizzato a dire nulla. Ma abbiamo tutti grandi entusiasmo e interesse per questo personaggio, e credo che vedrete molti indizi di ciò che c’é in serbo per lui, in futuro, già a partire da Metal.

Posso dire che ci sono sicuramente dei grandi piani sia per Shazam che per l’intera famiglia Marvel.