Dopo il taglio di personale, Jim Lee ha voluto rassicurare i fan, aggiornando anche sul futuro del servizio streaming DC Universe.

Una settimana importante per la DC Comics, che ha visto molti dei suoi dipendenti licenziati e un taglio di personale in diversi ruoli chiave. Durante una recente intervista Jim Lee, Publisher della casa editrice, ha voluto rassicurare tutti affermando che la DC non smetterà di esistere e non interromperà mai le sue pubblicazioni:

“Questa settimana è stata molto difficile non solo per me, ma per l’intera azienda. Abbiamo salutato persone che hanno dato tantissimo e hanno contribuito a definire e rendere ciò che è oggi la DC. Continueremo a pubblicare fumetti. Assolutamente. Al cento per cento. Sono ancora la base di tutto ciò che facciamo. La necessità di raccontare storie e aggiornare la mitologia, è fondamentale per il nostro lavoro. L’azienda si appoggia a noi per condividere e stabilire gli elementi significativi dei suoi contenuti, che devono essere utilizzati e incorporati in tutti i loro adattamenti. Vogliamo raggiungere un pubblico globale, e i fumetti aiutano a promuovere quella consapevolezza e quel marchio su scala internazionale. Fanno parte del nostro futuro.

Ridurremo però le dimensioni della proposta, ma si tratta di quel venti, venticinque percento che non pareggiava i costi e faceva perdere soldi. Continuerò a essere coinvolto nell’editoria tanto intimamente quanto lo sono stato fin dall’inizio. Niente è cambiato da questo punto di vista.

[…]Abbiamo puntato molto su Joker War, che è stato ristampato più volte. In effetti, le copie vendute sono aumentate di numero in numero, e sapete quanto sia difficile. Di solito quando lanci una serie, parte alla grande e poi le cifre scendono. Qui invece siamo in piena salita con i numeri. Abbiamo ottenuto delle ottime cifre con Three Jokers ed il primo numero ha venduto oltre 300.000 copie. E si tratta di un albo da otto dollari. È un numero gigantesco per una nuova distribuzione.

Non credo che qualcuno nei piani alti voglia impedirci di pubblicare fumetti. Hanno molti scopi, e uno di questi è che sono un ottimo modo per sviluppare idee e creare i prossimi grandi franchise. Perché dovremmo fermarci? Perché dovremmo smettere di creare contenuti di qualità che potrebbero essere utili per tutta l’azienda?

Successivamente Jim Lee si è soffermato sulla piattaforma streaming DC Universe, anch’essa al centro di pesanti licenziamenti (circa la metà dei suoi dipendenti). Come spiegato da Lee, la piattaforma continuerà ad esistere per i fumetti, ma i suoi contenuti originali si sposteranno su HBO Max, il servizio streaming di Warner Media che racchiude tutta la loro offerta:

I contenuti originali su DC Universe stanno migrando su HBO Max. E’ la migliore piattaforma per quel contenuto. Per quanto riguarda la community e l’esperienza che ha creato DC Universe, i suoi 20.000 titoli e la connessione costante con i fan, ci sarà sempre bisogno di tutto ciò. Siamo eccitati all’idea di trasformare la piattaforma e presto arriveranno nuove informazioni. Non verrà cancellata.

DC Universe è stata lanciata a maggio del 2018 ed ha prodotto popolari serie TV come Doom Patrol, Titans, Stargirl, Young Justice ed Harley Quinn, ma con il tempo tutte queste serie (ad eccezione di Titans) sono state distribuite anche da altri network e servizi streaming con accordi di co-produzione. Già a giugno gli abbonati DC Universe hanno avuto la possibilità di aggiungere HBO Max al proprio abbonamento per la cifra di $ 4,99 al mese, che in molti hanno interpretato come l’inizio del processo di transizione degli abbonati da DC Universe ad HBO Max.

Fonte