Daniel Kaluuya ha difficoltà a parlare di Black Panther: Wakanda Forever a causa della morte di Chadwick Boseman.

In occasione del Disney Investor Day il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha fornito qualche dettaglio sullo sviluppo del sequel di Black Panther (2018), confermando ufficialmente che T’Challa non sarà interpretato da un nuovo attore per rispetto nei confronti del compianto Chadwick Boseman e che la pellicola – intitolata Black Panther: Wakanda Forever – esplorerà il mondo e i personaggi del Wakanda introdotti nel primo film.

Nel corso di un’intervista promozionale con l’Hollywood Reporter riguardante Nope di Jordan Peele, Daniel Kaluuya, inteprete di W’Kabi in Black Panther (2018), ha riflettuto sulla sua esperienza con Chadwick Boseman sul set del primo film. L’attore, che recentemente ha confermato che non tornerà nel ruolo del suo personaggio in Black Panther: Wakanda Forever a causa di “conflitti” nell’agenda lavorativa, ha ammesso di avere difficoltà a parlare del sequel a causa del vuoto lasciato dalla star:

“Se dicessi qualcosa, le persone resterebbero molto deluse. È questo che penso al riguardo. Penso che le persone resterebbero deluse. Non vogliono che si facciano spoiler. Qualunque cosa accadrà, resteranno sorpresi. È stata questa la cosa fantastica del primo film.”

“Cosa posso dire? E intendo realmente, cosa posso dire? Vederlo realizzare il primo film, sapendo quello che so, sapendo quello che tutti ora sanno, te lo fa guardare da un punto di vista diverso. Come personaggio, come essere umano. Voglio dire…” [la sua voce si arresta].