Damon Lindelof, showrunner di Watchmen, parla delle possibilità di dirigere un adattamento fedele de Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller.

A fine ottobre ha debuttato su HBO la serie TV Watchmen, sviluppata da Damon Lindelof (Lost), che ha deciso di non adattare la celebre saga di Alan Moore e Dave Gibbons, bensì di realizzare una storia completamente nuova.

Episodio dopo episodio, la serie si è rivelata decisamente popolare in America, sui social ogni domenica sera si discute dei colpi di scena…e i dati sugli ascolti sono ottimi, con una media di 7.1 milioni di spettatori provenienti dal canale HBO e dalle piattaforme di streaming HBO Now ed HBO Go (qui tutti i dettagli).

La prima stagione si è conclusa in nottata e nel corso di una recente intervista, lo showrunner Damon Lindelof ha discusso delle possibilità di adattare un’altra pietra miliare del mondo dei fumetti: Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller.

Lindelof non è un grande sostenitore delle rappresentazioni fedeli in tutto e per tutto del materiale originale, ma nonostante ciò ha una grande idea per adattare la serie: riproporre i vecchi interpreti di Batman.

Ecco quanto spiegato dallo scrittore/showrunner:

Il motivo per cui non lo reputo interessante è perché sarebbe un adattamento del tutto fedele, dove prendi qualcosa che Frank Miller ha già scritto ed illustrato alla perfezione. In pratica, lo prendi e lo porti in vita. Ovviamente, dovrà esserci Superman.

In questo caso devi seguire il materiale originale, sarebbe terrificante sbagliare. Inoltre io voglio avere delle libertà, non sono la persona adatta. Sarebbe però davvero interessante attendere che qualche attore come Michael Keaton o Christian Bale invecchi di 25 anni per poi realizzare il film, che avrà quindi per protagonista qualcuno che ha già interpretato una versione più giovane di Batman. Sarebbe fantastico.

Fonte