L’Uomo del Domani interpretato da Brandon Routh, erede spirituale di Christopher Reeve, ritorna su schermo per salvare il Multiverso dalla Crisi sulle Terre Infinite.

“Attualità: Superman è tornato”

Così disse Parry White, direttore del Daily Planet che in Superman Returns vedeva assieme al mondo il ritorno di Superman sulle scene, ebbene quest’oggi la situazione non è dissimile, in quanto nella seconda parte dello speciale Crisis On Infinite Earths, nello specifico nello slot normalmente dedicato a Batwoman, l’Uomo d’Acciaio interpretato da Brandon Routh, che è già stato confermato essere ancora una volta la stessa versione interpretata da Christopher Reeve, farà il suo ritorno.

La notizia è ormai nota da tempo, diverse foto sono state rese pubbliche e diversi piccoli istanti in cui presenziava questa iconica versione di Superman sono già stati mostrati nei trailer, ma a mostrarci la sua prima apparizione nell’episodio con indosso l’iconico costume ripreso, come diversi altri elementi, direttamente dalla leggendaria storia Kingdom Come, è la seguente clip:

In essa scopriamo diversi elementi, come ad esempio che il destino di questo Superman è stato estremamente simile a quello della controparte fumettistica del succitato fumetto, ovvero che il Joker, offeso in quanto gli veniva dato poco spazio sul Daily Planet, ha deciso di impiantare una bomba con del gas velenoso che ha ucciso l’intera redazione, ad eccezione di Clark Kent, unico superstite della vicenda, rimasto vedovo di Lois Lane e orfano di quella che era una sua seconda famiglia al Planet. Durante la scena fa la sua comparsa anche l’iconica marcia di Superman concepita da John Williams per il primo film di Richard Donner con protagonista Christopher Reeve, udibile non appena il mite e garbato giornalista Clark Kent, cambia d’abito per tramutarsi nell’Uomo del Domani.