Channing Tatum fece volare una sedia quando lo spin-off su Gambit venne cancellato dalla Walt Disney Company.

Nei prossimi anni gli X-Men e i mutanti verranno introdotti nel Marvel Cinematic Universe ma non tutti ricordano che, prima che i diritti tornassero nelle mani dei Marvel Studios, la 20th Century Fox aveva messo in cantiere una serie di spin-off sui personaggi in suo possesso tra cui Gambit. Il nome di Gore Verbinski, regista noto per la sua abilità di spaziare tra diversi generi e per aver diretto la trilogia de I Pirati dei Caraibi, The Ring e il film d’animazione Rango, era stato associato al progetto ma lui stesso decise di abbandonarlo per divergenze creative. La pellicola avrebbe avuto per protagonista Channing Tatum che, in seguito all’abbandono di Verbinski, cercò in ogni modo di dirigerlo personalmente. Alla fine il cinecomic non ha più visto la luce a causa dell’acquisizione della Fox da parte della Walt Disney Company.

Durante un’intervista promozionale con l’Associated Press incentrata sul film Dog, lo sceneggiatore Reid Carolin – che era stato ingaggiato dalla Fox per lavorare allo script di Gambit – ha svelato un curioso retroscena sullo sviluppo del progetto. Stando a quanto spiegato da Carolin, Channing Tatum rimase talmente scosso dalla notizia della cancellazione dello spin-off da lanciare una sedia per la rabbia:

Carolin:Ricordo che quando Gambit andò a rotoli, Chan gettò una sedia dall’altra parte della stanza. Ricordo solo di aver pensato ‘Non posso credere di aver passato due anni su questo progetto.‘”

Tatum:Tu ci hai lavorato per due anni, io per quattro anni e mezzo. Lo stavo sviluppando e producendo con una moltitudine di altri registi per vari motivi, alcuni scelti dallo studio e alcuni scelti da me ma non se n’è fatto più nulla. La quantità di tempo. La quantità di sudore e di lacrime… Guarda, ci eravamo andati molto vicini ed è triste che non sia stato realizzato, forse era una di quelle situazioni in cui ti viene da pensare ‘Forse non era destino che accadesse.'”

Ricordiamo che, oltre Gore Verbinski, la Fox considerò altri registi tra cui Rupert Wyatt (L’alba del pianeta delle scimmie) e Doug Liman (Mr. & Mrs. Smith, Edge of Tomorrow – Senza domani) ma entrambi rifiutarono la regia rispettivamente per divergenze creative con la produzione e per motivi legati allo script. Il film era stato descritto da Simon Kinberg, sceneggiatore di X-Men – Apocalisse e regista di X-Men – Dark Phoenix, come una “commedia romantica” e, stando ad alcune indiscrezioni, pare che il budget iniziale del film venne ridotto in maniera drastica a causa del flop di Fantastic 4 di Josh Trank.

Channing Tatum Gambit

Fonte