Il vecchio comitato creativo dei Marvel Studios guidati da Ike Perlmutter volevano rimuovere l’iconica scena da Captain America: Civil War.

Nel libro The Story of Marvel Studios: The Making of the Marvel Cinematic Universe viene raccontato un curioso retroscena del celebre film che ha aperto la fase 3 dell’MCU: Captain America: Civil War.

Il comitato creativo dei Marvel Studios, composto da Ike Perlmutter (CEO di Marvel Entertainment), Alan Fine(presidente di Marvel Entertainment), Brian Michael Bendis (autore di Marvel Comics), Dan Buckley (editore di Marvel Comics), Joe Quesada (CCO di Marvel Entertainment) ha supervisionato fino al 2015 tutti i prodotti cinematografici prodotti, prima che Kevin Feige fosse promosso dalla Disney a capo della divisione cinematografica dovendo così rispondere solo direttamente ad Alan Horn.

All’epoca dei lavori di Captain America: Civil War, il comitato creativo si era definito contrario alla famosa scena finale del film dove Steve Rogers e Tony Stark si scontrano nella base dell’Hydra in Siberia. Il co-sceneggiatore Stephen McFeely rivela infatti:

Abbiamo dovuto scrivere una versione della sceneggiatura dove [invece di scontrarsi fra di loro] Steve e Tony si scontravano con 5 super-soldati in una base sottomarina.

Il co-regista Joe Russo ha aggiunto:

Continuavamo a ripetere: “Non c’è nulla di interessante in un film così. Non siamo qui per fare quel film. Non siamo interessati a raccontare un’altra classica storia di supereroi.”. Feige si è schierato dalla nostra parte, dando così inizio alla Civil War interna alla Marvel. Abbiamo puntato i piedi per terra, ed allora era chiaro che eravamo a un punto di svolta: o la compagnia sarebbe lentamente tornata indietro, oppure avrebbe iniziato ad esplorare nuovi territori.

Fortunatamente, la guerra civile Marvel si è risolta con la vittoria di sceneggiatori e registi, grazie all’intervento di Alan Horn della Disney.