Blue Beetle appare sul set del film, e l’armatura indossata da Xolo Maridueña lascerà estasiati gli appassionati del personaggio!

La scorsa estate è stato fatto un annuncio decisamente sorprendente per gli appassionati duri e puri della DC Comics: un film con protagonista un supereroe di nicchia, ma stracolmo di potenziale: Blue Beetle, supereroe acquisito ormai da decenni dalla casa editrice madre della Justice League. Il film, in arrivo ad agosto 2023, avrà alla regia Angel Manuel Soto (Charm City Kings) ed alla sceneggiatura Gareth Dunnet-Alcocer (Miss Bala, reboot di Scarface), con Xolo Maridueña (Miguel Diaz in Cobra Kai) nei panni del protagonista della del film: Jaime Reyes: un adolescente Latino-Americano di El Paso (Texas), il quale è stato il terzo personaggio sin dal 1939 ad indossare i panni di Blue Beetle, dopo che una misteriosa reliquia-scarabeo gli si è attaccato alla schiena, donandogli la possibilità di attivare un’armatura controllabile col pensiero, dotata di sconfinate abilità.

Da un film dedicato al personaggio di Blue Beetle ci si aspetterebbe quindi un voluminoso apporto di computer-grafica per quanto riguarda la realizzazione dell’armatura, ma direttamente dal set del film, arrivano delle sorprendenti foto nelle quali Xolo Maridueña sembra un Jaime Reyes appena scappato da fumetto, con indosso un’armatura interamente pratica, che non si può non definire una delle trasposizioni più fedeli fatte nella storia dei costumi supereroistici.

Non sono chiare le dinamiche che circondano la scena (chiaramente d’azione), ma è sorprendente la cura con la quale è stata riprodotto il design dell’armatura di Blue Beetle debuttata nel 2006.

Il lavoro fatto nel replicare gli aspetti fondamentali del look, partendo dalle placche di armatura blu poggiate su un ulteriore strato nero più flessibile diviso in sezioni, con un casco che è la definizione di accuratezza, il tutto senza dimenticare però le texture ormai fondamentali per dare un senso di profondità e dettaglio ai costumi supereroistici visti al cinema, ci porta ad osservare un costume che è decisamente fedele alla controparte cartacea, ma funzionale per il cinema.

Fonte