Black Panther: Wakanda Forever, Winston Duke ha commentato la scelta di non fare un recast di T’Challa nell’MCU.

Il 9 novembre uscirà al cinema Black Panther: Wakanda Forever, il sequel del film vincitore di 3 premi Oscar nel 2018 che dovrà affrontare l’improvvisa morte del protagonista Chadwick Boseman e portare avanti la storia di Shuri (Letitia Wright), ora alla guida del Regno del Wakanda, e degli altri personaggi introdotti nel primo capitolo.

Nel corso di un episodio del podcast Jemele Hill is Unbothered (via ComicBook.com), Winston Duke, interprete di M’Baku, ha commentato la scelta – non particolarmente apprezzata dai fan – dei Marvel Studios di non ingaggiare un nuovo attore per il ruolo di T’Challa per Black Panther: Wakanda Forever, spiegando di supportare la decisione di non recastare il personaggio:

Credo che per questa iterazione di Black Panther sia molto difficile commentare una cosa del genere. Perché io sono dell’idea che questo sia il ruolo di Chad. Chadwick ha creato tutto questo e ‘Black Panther’ non sarebbe lo stesso senza Chadwick Boseman, che rappresentava le cose che rappresentava anche il personaggio. Quando ingaggi una persona, stai creando anche le loro esperienze, le loro idee politiche e tutte quelle cose. ‘Black Panther’ è stato definito pesantemente dall’attore che lo ha fatto, a mio avviso.”

Quindi penso che la decisione di mantenere T’Challa come Chadwick Boseman sia molto nobile. Ma bisogna anche considerare che… c’è un livello di fiducia che penso tutti noi dovremmo avere quando parliamo di un mondo fumettistico. [ride] Un mondo fumettistico che ha molteplici dimensioni, dimensioni parallele, molteplici storie, possibili futuri e possibili reimmaginazioni nel passato. Stanno sperimentando com molteplici universi diversi. Quindi il mio livello di fiducia è che il medium può supportare diverse interpretazioni che possono rendere tutti noi felici.”