Le riprese di Black Panther: Wakanda Forever sono state nuovamente rinviate a causa della diffusione della Variante Omicron sul set.

In occasione del Disney Investor Day il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha fornito qualche dettaglio sullo sviluppo del sequel di Black Panther (2018), confermando ufficialmente che T’Challa non sarà interpretato da un nuovo attore per rispetto nei confronti del compianto Chadwick Boseman e che la pellicola – intitolata Black Panther: Wakanda Forever – esplorerà il mondo e i personaggi del Wakanda introdotti nel primo film.

Le riprese del cinecomic sono state interrotte per permettere a Letitia Wright, interprete di Shuri, di riprendersi completamente dall’infortunio avvenuto qualche mese fa che, a quanto pare, era più grave del previsto. Dopo l’incidente, Wright si è spostata a Londra, dove ha seguito una lunga fisioterapia mentre la produzione è continuata senza di lei. Il regista Ryan Coogler, secondo i report, ha girato tutto il materiale possibile che non coinvolgesse il personaggio ma, a causa della difficoltà di andare avanti senza che l’attrice fosse presente fisicamente sul set, i Marvel Studios hanno deciso di organizzare un nuovo piano di riprese.

Dopo circa due mesi e una lunga serie di polemiche intorno alla figura dell’attrice per la sua posizione controversa sui vaccini, la BBC ha confermato che le riprese sono ripartite in tutta tranquillità e che Letitia Wright è tornata sul set per girare tutte le scene mancanti con il suo personaggio. L’Hollywood Reporter ha aggiunto che i ritardi nella produzione causati dall’infortunio della star e la ripartenza delle riprese non avranno nessuna ripercussione sulla data di uscita di Black Panther: Wakanda Forever nelle sale cinematografiche americane.

Stando a quanto riportato dall’autorevole The Hollywood Reporter in un articolo incentrato sulle produzioni colpite dalla crescente diffusione della Variante Omicron del COVID-19 negli Stati Uniti, le riprese di Black Panther: Wakanda Forever sarebbero state nuovamente rinviate. Nel report, inoltre, è stato confermato che alcuni membri del cast e della crew – tra cui Lupita Nyong’o (Nakia) sono risultati positivi al coronavirus. Secondo le fonti del THR, tuttavia, sembra che attualmente la produzione sia stata rimandata solo di una settimana:

“Black Panther è tornato in produzione la scorsa settimana ad Atlanta, soltanto per essere nuovamente rimandato perché diversi membri del cast e della crew, inclusa Lupita Nyong’o, sono risultati positivi al virus (la produzione doveva ricominciare questa settimana).”

Ricordiamo che Black Panther: Wakanda Forever, scritto e diretto da Ryan Coogler (Creed), è previsto per l’11 novembre 2022 e vedrà nel cast Letitia Wright (Shuri), Lupita Nyong’o (Nakia), Danai Gurira (Okoye), Winston Duke (M’Baku), Angela Bassett (Ramonda), Florence Kasumba (Ayo), Michaela Coel (Aneka), Martin Freeman (Everett K. Ross), Dominique Thorne (Riri Williams), Tenoch Huerta (Namor) e Mabel Cadena (Namora).

Black Panther: Wakanda Forever

SINOSSI

Black Panther: Wakanda Forever dei Marvel Studios continuerà ad esplorare l’ineguagliabile mondo del Wakanda e la ricca e variegata cerchia di personaggi introdotti nel primo film. Scritto e diretto da Ryan Coogler, regista di Black Panther, il film sarà rilasciato l’8 luglio 2022.

Fonte