Il merchandise di Black Panther: Wakanda Forever rivela un importante cambiamento nelle origini di Namor il Sub-Mariner.

Il 9 novembre uscirà al cinema Black Panther: Wakanda Forever, il sequel del film vincitore di 3 premi Oscar nel 2018 che dovrà affrontare l’improvvisa morte del protagonista Chadwick Boseman e portare avanti la storia di Shuri (Letitia Wright), ora alla guida del Regno di Wakanda.

Il merchandise del film ha svelato un dettaglio interessante sulla versione MCU di Namor. Nella descrizione delle action figures targate Marvel Legends, infatti, possiamo vedere che il personaggio non sarà il Re di Atlantide (come nei fumetti), ma sarà invece a capo di una civiltà sottomarina nascosta chiamata Talocan.

Nonostante questo cambiamento possa sembrare strano, se indaghiamo più a fondo in realtà possiamo notare come in realtà abbia perfettamente senso. Molto probabilmente i Marvel Studios vogliono differenziarsi dall’Atlantide nostrana nel film della DC, ovvero Aquaman, e per farlo si stanno ispirando alla vera mitologia.

Infatti, la versione MCU di Namor e il suo popolo sembrerebbero essere collegati alle culture Azteche e Maya, e il nome Talocan ne è la prova. Nella leggenda Azteca, Tlālōcān è un regno mitologico e un paradiso governato dal dio della pioggia Tlālōc. Sembra che i Marvel Studios abbiano designato questo paradiso dell’acqua come la loro versione di Atlantide, con Namor e la sua stirpe reale che potrebbero ricoprire il ruolo di Tlālōc. È interessante notare però che nei fumetti esiste già una versione di Talocan, che è la casa del pantheon degli dei Tēteoh.

Con gli ultimi progetti come Moon Knight e Thor: Love and Thunder che sono fortemente basati sulle divinità, è possibile che i Marvel Studios abbiano reso Namor e la sua società dei veri e propri Dèi, o forse volevano semplicemente usare il nome di Talocan.