Letitia Wright
Letitia Wright as Shuri in Marvel Studios' BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER. Photo by Annette Brown. © 2022 MARVEL.

Black Panther: Wakanda Forever, continua la guerra tra Letitia Wright e l’Hollywood Reporter per le accuse no-vax

Black Panther: Wakanda Forever, continua la guerra tra Letitia Wright e l’Hollywood Reporter per le accuse no-vax.

Il 9 novembre è uscito al cinema Black Panther: Wakanda Forever, il sequel del film vincitore di 3 premi Oscar nel 2018 che affronta il tema dell’improvvisa morte di Chadwick Boseman e porta avanti la storia di Shuri (Letitia Wright), ora alla guida del Regno del Wakanda, e degli altri personaggi introdotti nel primo capitolo.

Negli ultimi due anni Letitia Wright, interprete di Shuri nel Marvel Cinematic Universe, è stata al centro di una controversia legata al suo stato vaccinale. Nel dicembre 2020 Wright condivise sul suo profilo Twitter un video in cui il profeta e autore cristiano Tomi Arayomi metteva in discussione l’efficacia dei vaccini per il COVID-19 veicolando messaggi no-vax e transfobici e, ai tempi, l’attrice britannica venne pesantemente aggredita dai suoi follower e accusata di aver sfruttato i social network per esprimere la sua posizione antivaccinista. Come se non bastasse, secondo l’Hollywood Reporter Letitia Wright avrebbe continuato ad “abbracciare opinioni simili sui vaccini per il Covid-19” sul set di Black Panther: Wakanda Forever, creando non pochi problemi alla produzione dietro le quinte.

Questa settimana Letitia Wright si è scagliata contro un articolo scritto da Scott Feinberg del The Hollywood Reporter nelle sue storie di Instagram. L’attrice ha reagito ferocemente ad un articolo in cui la rivista ha analizzato il potenziale impatto della controversia sul suo stato vaccinale su eventuali candidature e riconoscimenti per la sua performance in Black Panther: Wakanda Forever, accusando il THR e i suoi giornalisti di aver mentito sul suo presunto comportamento poco professionale sul set del film e di averla paragonata a star al centro di abusi sessuali e domestici come Roman Polanski, Woody Allen, Will Smith, Brad Pitt e Mel Gibson.

Pare, tuttavia, che i lunghi post dell’attrice non abbiano avuto l’effetto sperato. Di seguito vi riportiamo il messaggio ricevuto dal team di rappresentanti di Wright da parte dell’Hollywood Reporter:

La testata è inamovibile perché una scusa o una smentita sarebbe vista come l’ammissione di un’agenda contro di te, il che potrebbe aprire un’azione legale. Ora Scott è latitante e non si scuserà personalmente perché sarebbe considerato pubblicamente responsabile per tutte le volte che la testata si è scontrata con te in passato quando questa è l’unica volta che lui stesso si è unito alla mischia. Forse Scott tornerà silenziosamente dopo le feste del Ringraziamento.”

“Ho chiesto rispettosamente all’Hollywood Reporter e a Scott Feinberg di togliere il mio nome da quell’articolo e questo è stato il risultato. Nessun supporto o aiuto neanche da parte del caporedattore. Lo lascio qui come prova di quello che sta succedendo dietro le quinte.”

“Alcuni dei nomi e dei casi presenti nell’articolo che l’Hollywood Reporter e Scott Feinberg hanno scritto dicendo che sono simile a loro e che non dovrei essere nominata per dei premi. Hanno fatto sapere al mio team che non si scuseranno con me né toglieranno il mio nome dall’articolo che Scott Feinberg ha scritto.”

Da persona che è attualmente in terapia per superare la sua esperienza personale di abusi sessuali, questa cosa non va bene. È incredibilmente allarmante che l’Hollywood Reporter, Scott Feinberg e gli altri giornalisti della testata abbiano detto chiaramente che non si scuseranno e che non toglieranno il mio nome da questo articolo disgustoso e pericoloso. Paragonarmi a questi casi di abuso e cattiva condotta sessuale è estremamente allarmante. Sono passati due anni e mi sono scusata due anni fa. Ho sopportato abbastanza, specialmente da questa testata e da altri. Caporedattore, perché non hai ancora modificato l’articolo?”

Alcuni fan del Marvel Cinematic Universe, inoltre, hanno preso le difese dell’attrice sotto l’ultimo post pubblicato da Scott Feinberg su Twitter prima della festività del Ringraziamento:

“Quello che dovresti fare è scusarti con Letitia Wright per averla citata in un articolo con 2 uomini che hanno fatto cose ben peggiori di lei.”

Black Panther