Il primo film con protagonista Batgirl non verrà più rilasciato. Stando alle trades, Warner Bros. non vede l’uscita del lungometraggio come sensata.

La scorsa estate è stato annunciato il primo film dedicato a Batgirl, il quale è stato diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah – conosciuti principalmente per il recente Bad Boys for Life. La pellicola avrebbe visto come protagonista Leslie Grace nel ruolo di Barbara Gordon, con J. K. Simmons di ritorno nel ruolo di suo padre, il Commissario Gordon Brendan Fraser nel ruolo del villain Firefly.

Per la sceneggiatura è stata ingaggiata Christina Hodson, sceneggiatrice BumblebeeBirds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn, e del film attualmente in produzione: The Flash. In aggiunta, nel corso di un’intervista, i registi avevano ufficializzando il ritorno di Michael Keaton nei panni di Batman a seguito dei tantissimi scatti trapelati online dal set, ma tutto ciò sembra che non vedrà più la luce, non ufficialmente almeno, in quanto è stato riportato dall’affidabile The Hollywood Reporter, che il film non verrà più rilasciato, né in streaming, né tantomeno in sala.

A quanto detto, il film – che è costato circa ottanta milioni di Dollari, quasi novanta per via della situazione legata al COVID-19 – non viene più visto come un sensato rilascio dalla nuova direzione di Warner Bros., nonostante le informazioni su di esso fossero già cominciate a circolare online, tramite insider nel mondo dell’informazione cinematografica, e persone che ne hanno visto una versione ai test-screenning (delle visioni di prova che vengono fatte ad Hollywood per fare delle modifiche ai film prima del rilascio). La decisione finale è stata presa da Zaslav, il nuovo presidente del gruppo Warner / Discovery dopo l’unione delle due compagnie, il quale ha già in passato parlato di voler dare delle decisive svolte alla direzione cinematografica legata alle proprietà DC.