Rivelati altri retroscena sulla sorprendente cancellazione di Batgirl da parte della nuova direzione di Warner Bros.

Recentemente, The Hollywood Reporter ha rivelato che il film su Batgirl, inizialmente previsto per HBO Max e con protagonisti Leslie Grace e Michael Keaton non verrà più rilasciato né in streaming né tantomeno in sala.

A quanto detto, il film – che è costato circa ottanta milioni di Dollari, quasi novanta per via della situazione legata al COVID-19 – non viene più visto come un sensato rilascio dalla nuova direzione di Warner Bros., nonostante le informazioni su di esso fossero già cominciate a circolare online, tramite insider nel mondo dell’informazione cinematografica, e persone che ne hanno visto una versione ai test-screenning (delle visioni di prova che vengono fatte ad Hollywood per fare delle modifiche ai film prima del rilascio).

Anche se si trovava nelle fasi finali della post-produzione ed era essenzialmente pronto, la decisione finale è stata presa da David Zaslav, il nuovo presidente del gruppo Warner / Discovery dopo l’unione delle due compagnie, il quale ha già in passato parlato di voler dare delle decisive svolte alla direzione cinematografica legata alle proprietà DC.

Stando a quanto spiegato da The Hollywood Reporter che ha pubblicato un lungo approfondimento sulla cancellazione del film, Batgirl ha ottenuto un buon punteggio ai test screening (le proiezioni di prova per comprendere la reazione del pubblico). Nello specifico, la compagnia ha mostrato un montaggio preliminare con VFX e colonna sonora non completa che ha ottenuto un punteggio di circa 60 su 100.

Per fare un paragone, si tratta dello stesso identico punteggio ottenuto da Shazam: Fury of The Gods e da It di Andy Muschietti (2017), che ha incassato oltre 700 milioni di dollari al box office.

A fronte di questo punteggio, Warner Bros. stava anche valutando di incrementare il budget del film, ma alla fine la nuova direzione della compagnia (guidata da David Zaslav) ha deciso di cancellarlo in quanto vuole far uscire al cinema esclusivamente pellicole “spettacolari”, mentre Batgirl è stato reputato come un film più “piccolo” e con una portata minore.

Di conseguenza, la decisione di non farlo più uscire non è legata ad un discorso qualitativo, bensì ad una serie di valutazioni fatte dalla major, che ha deciso che non si sposava con la linea intrapresa per lo streaming, che non poteva uscire al cinema e che non meritava altro budget per essere migliorato… tutto questo naturalmente senza considerare le pesanti connessioni con The Flash, che Warner sta ancora valutando come gestirlo.

Non si tratta inoltre dell’unica cancellazione fatta da Warner Bros., che negli ultimi giorni ha bloccato lo sviluppo di diversi progetti (tra cui Scoob) con l’obiettivo di non investire un budget eccessivo nella piattaforma di streaming HBO Max, che sta venendo ridimensionata sempre di più fino ad arrivare (secondo alcuni rumor) ad una potenziale cancellazione e conseguente integrazione con la piattaforma streaming di Discovery.

Fonte