Con la cancellazione dell’uscita del film su Batgirl, non ci resta che riflettere e teorizzare su cosa potrebbe significare per l’universo DC.

Ieri sera, The Hollywood Reporter ha rivelato che il film su Batgirl, inizialmente previsto per HBO Max e con protagonisti Leslie Grace e Michael Keaton non verrà più rilasciato né in streaming né tantomeno in sala.

A quanto detto, il film – che è costato circa ottanta milioni di Dollari, quasi novanta per via della situazione legata al COVID-19 – non viene più visto come un sensato rilascio dalla nuova direzione di Warner Bros., nonostante le informazioni su di esso fossero già cominciate a circolare online, tramite insider nel mondo dell’informazione cinematografica, e persone che ne hanno visto una versione ai test-screenning.

Anche se si trovata nelle fasi finali della post-produzione ed era essenzialmente pronto, la decisione finale è stata presa da David Zaslav, il nuovo presidente del gruppo Warner / Discovery dopo l’unione delle due compagnie, il quale ha già in passato parlato di voler dare delle decisive svolte alla direzione cinematografica legata alle proprietà DC.

Dopo aver essenzialmente assistito alla più azzardata delle mosse, la domanda sorge spontanea: questa sarà stata una semplice decisione disperata, o il succitato Zazlav avrà in mente un piano per l’universo / multiverso DC? Cerchiamo di teorizzare su quello che potrebbe essere il futuro, tenendo sempre conto del fatto che nulla di ciò che discuteremo riguarda decisioni ufficiali, ma che si tratterà bensì di un esercizio di pura immaginazione, supportata solo da un’analisi del “possibile”/”probabile”, visto il contesto cinematografico della DC attuale.

Il precedente

Prima di partire, parliamo del solo ed unico precedente che può sorgere alla mente per quanto concerne la situazione di Batgirl, nonostante si tratti di un precedente calzante solo a metà: il film sui Fantastici Quattro del 1994.

Quella che sarebbe dovuta essere la prima pellicola ufficialmente rilasciata, incentrata sulla Prima Famiglia Marvel, ha avuto una storia produttiva talmente travagliata da essere ormai leggendaria, al punto in cui il film – completo e pronto per il rilascio, con tanto di effetti visivi in CGI – non venne mai rilasciato ufficialmente, ed è infatti disponibile online su piattaforme pubbliche (come ad esempio YouTube), per via di un rilascio non-ufficiale, ovviamente ad opera di un membro della crew del film.

La differenza però è sostanziale, in quanto il film era a basso budget (differentemente da Batgirl, il quale era costato circa novanta milioni di Dollari), e non era stato praticamente pubblicizzato, rendendo la cancellazione carente di qualsivoglia effetto per quanto riguarda la reazione del pubblico in un’era pre-digitale, cosa che ovviamente non sta avvenendo con Batgirl, progetto che è stato a lungo discusso e pubblicizzato dai canali ufficiali.

Cosa significa per la DC al cinema?

Tenendo conto che la cancellazione del film è ovviamente facilmente tacciabile di essere “stravagante”, non ci è stato possibile evitare di ragionarci su, sia dal punto di vista produttivo che narrativo.

Dal punto di vista della produzione del film, è assurdo immaginare che la sola mancante volontà di pagare eventuali reshoot li abbia portati a cancellare completamente il rilascio di una pellicola che avrebbe potuto dare un ritorno economico sulla piattaforma di streaming HBO MAX, anche se minore rispetto a quanto speso. Viene ovviamente da pensare al film New Mutants, il quale rimase in un travagliato limbo per diverso tempo, e venne rilasciato senza autorizzare i richiesti reshoot, facendo lavorare la crew del film solamente con le scene già girate, riducendo al minimo gli ulteriori costi. Ma cosa sappiamo di Batgirl? Per quale motivo il rilascio del film sarebbe stato così problematico?

In primo luogo sappiamo che la pellicola è stata girata per essere ambientata in un universo DC che unisce parte di ciò che abbiamo visto al cinema negli anni recenti, ai film dedicati a Batman girati da Tim Burton nel 1989 e 1992, con tanto di Michael Keaton di ritorno nei panni di Batman sia per dei flashback, che nel presente, tutto ovviamente in conseguenza degli eventi di The Flash, nel quale un errore del Velocista Scarlatto dovrebbe portare ad un miscuglio di linee temporali ed universi paralleli, con tanto di inclusione di Micheal Keaton come nuovo interprete del principale Bruce Wayne dell’universo condiviso DC, al posto del Batman di Ben Affleck.

Batgirl

 

Aggiungiamo poi qualche ulteriore dettaglio dal nostro articolo sulle informazioni trapelate dai test-screen fatti per il film (ovvero una visione di prova con un film non completo, atta ad ottenere le reazioni preliminari del pubblico per fare eventuali cambiamenti sulla pellicola).  Parliamo, ad esempio, del fatto che il film avrebbe fatto espliciti riferimenti alle storiche pellicole di Tim Burton, come cementare Michelle Pfeiffer come la Catwoman di quell’universo (in quanto ne aveva vestito i panni negli anni novanta) e chiudere il film con una sequenza nella quale il Batman di KeatonBatgirl avrebbero planato per i celi di una Gotham chiaramente ispirata a quella di Tim Burton, con tanto di mantello del Cavaliere Oscuro direttamente ripreso da Batman Returns.

Ma perché discutiamo di ciò? Per via di un post che potrebbe risultare innocuo, ma potrebbe anche significare qualcosa di più, ovvero le foto rilasciate dal noto attore Jason Momoa – interprete di Aquaman – nel quale l’attore ha rivelato la presenza di Ben Affleck nuovamente nei panni di Bruce Wayne, sul set di Aquaman and The Lost Kingdom.

Ma perché Affleck sarebbe dovuto tornare a vestire i panni di Bruce Wayne? La risposta è facilmente intuibile: nonostante le intenzioni di rendere il Batman di Keaton il nuovo canonico Bruce Wayne dell’universo condiviso, il film dovrebbe uscire prima di The Flash (il quale rilascio è stato spostato, per l’appunto, dopo quello del secondo film dedicato ad Aquaman) rendendo incomprensibili la presenza di Keaton al pubblico generalista. Ma se ci fosse altro? Se ci fosse un cambiamento nella suddetta intenzione?

Come è stato detto in precedenza, la volontà della nuova direzione Warner Bros. Discovery, è quella di rendere più coeso ed ordinato il franchise DC, e se quindi si fosse pensato a fare un lavoro di semplificazione, cambiando il finale di The Flash facendo sii che alla fine di esso ci sia nuovamente il Batman di Ben Affleck come unico Uomo Pipistrello protettore di Gotham City, facendo tornare nel proprio universo di provenienza il Batman di Keaton ad avventura conclusa?

Tutto ciò richiederebbe un semplice reshoot della scena finale del film, nel quale presumibilmente dovrebbe apparire il Bruce Wayne di Michael Keaton per parlare con il Barry Allen di Ezra Miller, cementando il cambiamento nella linea temporale dell’universo, ma cambiare semplicemente la scena per far sii che sia Affleck ad apparire, potrebbe far filare la storia con forse maggiore semplicità, risolvendo il problema creato dall’errore di Flash.

Un cambiamento del genere non sarebbe però facilmente attuabile per Batgirl, non senza ingenti riprese aggiuntive, in quanto il film è fortemente radicato, come detto in precedenza, in una linea temporale che unisce l’universo DC attuale con quello del Batman di Keaton, in quanto il padre di Barbara Gordon/Batgirl era interpretato da nientemeno che J. K. Simmons, principalmente conosciuto per il ruolo di J. Jonah Jameson nei film dedicati a Spider-Man, ma che è anche comparso come Commissario Gordon in Zack Snyder’s Justice League.

Quale sarebbe il futuro?

Continuando sempre per questa via – che è semplicemente teorizzata da chi vi scrive – spostiamoci in avanti per quanto concerne il futuro dei film DC.

Cambiando il finale di The Flash introducendo semplicemente Supergirl come unico cambiamento per la linea temporale del DC Extended Universe (cosa che non dovrebbe essere particolarmente problematica in quanto – secondo varie indiscrezioni – questa versione di Kara dovrebbe essere legata ad una versione alternativa mitologia stabilita in Man of Steel), lasciando quindi intatto tutto il resto, si potrebbe continuare a comportarsi come si fa ormai da anni con il Batman di questo universo, ovvero citando la sua esistenza senza per farlo direttamente apparire, in quanto Affleck si è più volte detto disinteressato ad un ritorno nei panni di Batman, o almeno ad un ritorno sostanziale (vista la ripresa del suo ruolo per Aquaman and The Lost Kingdom).

Ciò non andrebbe ad influire troppo negativamente per quanto riguarda la presenza del personaggio al cinema, in quanto abbiamo in parallelo il franchise iniziato con The Batman che vede Robert Pattinson nei panni di un nuovo Bruce Wayne, coprendo perfettamente il necessario dosaggio di apparizioni del personaggio per rimanere nell’immaginario collettivo cinematografico.

Aggiungiamo poi che un “lasciare generalmente intatto” l’universo DC farebbe anche gioco ad un crossover che i fan attendono con veemenza, del quale abbiamo parlato in un articolo apposito, che vedrebbe ad uno dei due lati nientemeno che Superman, il quale ruolo è stato messo in discussione da delle indiscrezioni che parlavano della possibilità di rimpiazzare l’Uomo d’Acciaio interpretato da Henry Cavill con la Supergirl di Sasha Calle, la quale potrebbe ora tranquillamente incontrare il cugino in una nuova timeline DC aggiornata per prevedere la sua presenza come supereroina anch’essa fiera di indossare lo stemma degli El sul petto.

Cosa succederebbe al vecchio Cavaliere Oscuro?

 

Va ovviamente considerato un importante dettaglio: il contratto di Keaton nel quale saranno sicuramente previste diverse apparizioni future come Batman garantite da Warner Bros., le quali sarebbero ovviamente complicate da questo cambio di registro.

Tolta l’ovvia opzione di rescindere il contratto e pagare le eventuali penali all’attore, non è da escludere un possibile grande evento crossover in futuro, oppure un tanto desiderato dai fan progetto dedicato a Batman Beyond nel quale l’attore potrebbe interpretare un Batman ormai ritirato che addestra il Cavaliere Oscuro del futuro.

In conclusione

“Per ora nulla è certo” è una frase che usiamo spesso per questo genere di articoli speculatori, ma più che mai ci troviamo utilizzarla credendo fortemente in essa, in quanto a questo punto si potrebbe mettere in dubbio persino il rilascio di The Flash, cosa che si potrebbe definire “inauspicabile”, tenendo però sempre a mente che lo stesso si sarebbe detto del cancellato rilascio del film dedicato a Batgirl.

L’asticella del “possibile” si è decisamente alzata dopo questo triste evento, e fino ad eventuali sviluppi rimane l’incertezza: sarà stata una scelta disperata, o c’è un piano dietro tutto ciò? Non ci resta che attendere per scoprire quanto delle fantasiose teorie fatte in questo articolo potrebbero realizzarsi, se tutte, alcune o nessune, o se addirittura ad accadere sarà dell’altro, come un possibile improvviso reboot.

Batgirl