Durante Avengers: Endgame, i Vendicatori hanno considerato l’idea di viaggiare indietro nel tempo nel 2988 a.C. per recuperare l’Aether, la Gemma della Realtà.

Grazie ad Avengers: Endgame, i Marvel Studios sono stati in grado di rivisitare alcuni momenti ben precisi dell’Universo Cinematografico Marvel, come la Battaglia di New York del 2012 (The Avengers), il viaggio di Star-Lord su Morag del 2014 (Guardiani della Galassia) e il periodo di Thor su Asgard poco prima della morte di sua madre nel 2013 (Thor: The Dark World).

I Vendicatori (e gli sceneggiatori) hanno considerato diverse opzioni prima di identificare queste 3 mete, come un misterioso viaggio nel 2009 e persino un viaggio nel 2988 a.C. (dato che la “macchina del tempo” non permette di viaggiare nel futuro).

Ora che il film è disponibile in home video, i fan hanno infatti scoperto che nella scena in cui Nebula del 2014 aiuta Thanos ad accedere al Tunnel Quantico, compaiono diverse coordinate inserite dai Vendicatori nella piattaforma:

Il motivo di questo viaggio indietro nel tempo nel 2988 a.C.? Un modo alternativo di recuperare l’Aether, la Gemma della Realtà.

Nel prologo di Thor: The Dark World scopriamo infatti che proprio nel 2988 a.C., Bor, padre di Odino, sconfisse in una sanguinosa battaglia a Svartalfaheimr gli Elfi Oscuri, una razza guidata dal temibile Malekith, che voleva impossessarsi dell’Aether e sfruttarlo in un rarissimo allineamento di pianeti chiamato “Convergenza”, con lo scopo di riportare l’universo nella sua oscurità originaria.

Bor riuscì a sconfiggere Malekith, utilizzando il potere del Bifrost per nascondere l’Aether…almeno fino al 2013, quando venne recuperato da Jane Foster.

Presumibilmente Thor (in uno dei pochi momenti di lucidità) nel Quartier Generale avrà raccontato di questa colossale battaglia per la Gemma della Realtà ai Vendicatori, che avranno studiato un piano per ottenere l’Aether. L’idea di rivisitare uno scontro del genere è sicuramente intrigante, ma avrebbe privato il Dio del Tuono di un momento chiave per il suo arco narrativo: grazie al viaggio ad Asgard e all’incontro con la madre Frigga, capisce un’importante lezione e realizza di essere ancora degno di sollevare Mjolnir nonostante i suoi fallimenti.

L’altra misteriosa data è il 2009. Come mai hanno scelto proprio questa data i Vendicatori? Facendo un rapido riepilogo, in quell’anno la Gemma della Realtà era ancora nascosta nel tempio costruito da Bor, la Gemma del Potere era inaccessibile su Morag (è riemersa soltanto nel 2014 grazie alle maree del pianeta), Thanos era in possesso della Gemma della Mente (che ha donato poi a Loki) e la Gemma dell’Anima era su Vormir. La domanda quindi è una: cosa è successo nel 2009 al Tesseract, la Gemma dello Spazio?

Forse proprio in quell’anno è stato portato nuovamente al Progetto PEGASUS per essere studiato da Erik Selvig sotto l’ordine di Nick Fury? In tal caso, per i Vendicatori sarebbe stato molto semplice rubarlo e rimetterlo al suo posto subito dopo.