L’attore interprete dell’acerrima nemesi di Capitan America nell’ultima pellicola dedicata ai Vendicatori, parla di un possibile ritorno nel ruolo.

Un ritorno decisamente inaspettato nel Marvel Cinematic Universe è stato quello del Teschio Rosso in Avengers: Infinity War, con la conseguente apparizione in Avengers: Endgame. Questo storico antagonista, nato sulle pagine di Capitan America e conseguentemente apparso per la prima volta nel MCU in Captain America: The First Avenger, ha lasciato il segno nella memoria dei fan ed è tornato in una veste decisamente inaspettata: come guardiano della Gemma dell’Anima, dotato di un’indole più quieta della precedente minaccia nazista presentata nel primo film dedicato alla Sentinella della Libertà, si potrebbe addirittura dire “rassegnata”, visto il destino di dover guidare i viandanti verso un tesoro che lui stesso non avrebbe mai potuto possedere, quello della Gemma.

Nonostante ciò però, una dichiarazione rilasciata diverso tempo fa dai fratelli Russo, registi dei due succitati film dei Vendicatori ha gettato una nuova luce sulle possibilità per il personaggio:

Il Teschio Rosso è libero di lasciare Vormir, ed è inoltre libero di perseguire il suo desiderio di recuperare le Gemme dell’Infinito.

Inoltre è notizia recente che l’attore interprete del succitato Teschio Rosso a guardia della GemmaRoss Marquand, successore di Hugo Weaving nella parte, ha dichiarato a Nerds4Life di essere interessato a tornare in futuro nella parte, rilasciando le seguenti affermazioni:

Se ci pensi, ci sono tutti questi universi paralleli al momento, quindi in un universo dove Thanos lo ha rilasciato, è nuovamente libero. Immagino che la prima cosa che farebbe, se ha ancora una vendetta da perseguire, o se c’è ancora una qualche parte di lui ancora dotata di ambizione, sarebbe tornare sulla terra.

Nonostante questa dichiarazione però l’attore ha anche parlato di un differente punto di vista, più legato alla sua situazione di guardiano tormentato e come detto in precedenza, rassegnato.

O forse non gliene importa affatto. Immagino che una volta che viene concesso il dono di un’infinita saggezza, ti viene anche concesso il dono, o la maledizione, di un infinito dolore e sofferenza. Quindi probabilmente, immagino che da un certo punto di vista per lui sia finita. Non ha più bisogno di conquistare niente, perché lui stesso non è più realmente vivo.

In seguito Marquand si è esposto sulla possibilità di dare al Teschio Rosso un futuro differente da quello che ci si potrebbe attendere, non come villain, ma come una sorta di sostituto di Uatu l’Osservatore, figura storica per l’universo Marvel.

Penso che il Teschio Rosso potrebbe sicuramente muoversi in quel territorio, dove è soltanto un osservatore casuale dei mondi, nonché dei Corpi Celestiali dell’universo, intervenendo solo quando assolutamente necessario. Ma sarebbe interessante scoprire se, in caso, sarebbe una forza del bene o del male.

Inoltre l’attore ha parlato del precedente interprete del personaggio in Captain America: Il Primo Vendicatore, il succitato Hugo Weaving.

Io credo che quel ruolo appartenga a Hugo, in quanto è la persona da cui è nato. Adoro ciò che ha fatto nella parte. Ma se non volesse tornare, sarei davvero onorato di poter nuovamente interpretare il personaggio.

Sembra quindi che Marquand sia fortemente appassionato per quanto concerne il ruolo e che sia aperto a differenti e molteplici possibilità per un suo futuro ritorno. Non ci resta quindi che attendere e scoprire il Teschio Rosso farà veramente ritorno nell’MCU e nel caso lo facesse, quale sarà il suo destino.