Elizabeth Olsen è stata intervistata da Collider, e ha parlato del personaggio da lei interpretato, fornendo anche Elizabeth_Olsen_SDCC_2014_2_(cropped)dettagli in più a proposito della pellicola, infatti in relazione ai suoi potere e al suo costume ha detto:

“Il film è ambientato in un determinato mondo quindi la progettazione dei costumi è legata direttamente sulla realtà di questi due ragazzi (incluso il fratello Pietro Maximoff/Quicksilver), un realtà di solitudine in chi devono aver la possibilità esprimersi al meglio. La prima cosa che Joss Whedon mi disse ancora prima di iniziare la produzione è “Quando guardiamo le immagini e i fumetti dobbiamo capire che il look che stiamo modellando non sarà esattamente quello. Non dovrete indossare costumi da bagno o apparire come delle porno star! [ride] Poi Alex [Alexandra Byrne], la nostra costumista, è stata davvero abile nel prendere questi iconici personaggi dei fumetti e ad adattarli al mondo moderno(…)Abbiamo deciso che Scarlet possedesse già i suoi poteri. Abbiamo voluto giocare con l’idea che avesse già alcune abilità all’inizio del film, il che in un primo momento non erano molte. In seguito abbiamo stabilito che lei avesse affinato da sola i suoi poteri e che possedesse una determinata forza e fiducia in se stessa. Posso controllare e manipolare l’energia. Ecco, questo è quello che fa la “roba rossa”.

Elizabeth Olsen afferma infine di essere rimasta affascinata da questo mondo e che non le dispiacerebbe poter interpretare ancora Scarlet Witch:

Non mi dispiacerebbe continuare ad interpretarla ancora per un po’. Mi sono divertita molto ad interpretare Scarlet Witch/Wanda, la trovo davvero impressionante. Credo che anche Joss [Whedon] sia rimasto soddisfatto di lei.

 

Non vediamo l’ ora di poter ammirare ciò che ha costruito Joss Whedon, per ora siamo entusiasti, continuate a seguirci, vi terremo aggiornati.