Anthony Mackie parla di The Falcon and The Winter Soldier, della pressione per la prima serie TV dei Marvel Studios e delle responsabilità del ruolo di Captain America.

The Falcon and The Winter Soldier è la prima serie TV dei Marvel Studios che arriverà sulla piattaforma digitale Disney+ questo agosto. Oltre alla presenza Anthony Mackie (Falcon), Sebastian Stan (Bucky), Emily VanCamp (Sharon Carter) e Wyatt Russell (U.S. Agent) nel cast troveremo anche Daniel Brühl come Zemo (qui le prime foto), che farà il suo ritorno nell’Universo Cinematografico Marvel dopo Captain America: Civil War.

Nel corso di una recente intervista, Anthony Mackie ha discusso della serie e inizialmente si è soffermato sullo scudo di Captain America, spiegando:

Sono rimasto sorpreso dal fatto che abbiano usato la mia scena e non quella con la mia controfigura, che sembra un vero atleta. Mi ricordo che mi hanno detto “ok Anthony, tocca a te lanciarlo”, e io ho risposto “hai visto come lo ha appena lanciato la controfigura? Come posso fare meglio di lui?” Ma alla fine sono rimasto sorpreso quando ho visto che nel video del Superbowl hanno usato la mia scena”.

Lo scudo è davvero pesante, saranno più di 5 kg, così dopo tutto il giorno in cui hai 5 kg attaccati al braccio le tue spalle iniziano a cedere. 

Sempre parlando dello scudo, l’attore ha spiegato di aver visitato il set di WandaVision e di averne avvistato un altro – ma non ha specificato se di Captain America o meno.

La cosa divertente è che sembra che tutti quanti si stiano allenando con lo scudo. Sono andato sul set di WandaVision e anche lì c’era uno scudo. Ognuno ha uno scudo per allenarsi ora.

The Falcon and The Winter Soldier

Successivamente l’attore si è soffermato sulle responsabilità del ruolo, spiegato che non vuole che il suo Captain America rappresenti soltanto la popolazione afroamericana, bensì tutti gli Stati Uniti:

Al giorno d’oggi penso che in America siamo aperti all’idea di avere il mio volto a rappresentare tutto il paese. Non esiste un solo aspetto americano, siamo tutti americani.

Voglio che il mio Captain America rappresenti tutti, non soltanto un gruppo specifico di persone.

Infine, l’attore ha spiegato che la pressione per questa serie è al minimo nonostante abbia un ruolo molto importante per il futuro del MCU e che il team dei Marvel Studios si è dimostrato estremamente collaborativo nello sviluppo della serie.

Non è scoraggiante. Se falliremo, falliremo al 100%, non sarà mai un mezzo fallimento…ma è stato comunque divertente. Stanno accadendo un sacco di cose nell’universo Marvel sin da quando la Disney è coinvolta e abbiamo un grande team di supporto. Victoria Alonso, Louis D’Esposito, Kevin Feige e tutti gli altri, con loro possiamo sempre parlare se pensiamo che le cose non funzionino. Questo è grandioso. Abbiamo avuto sicuramente qualche inciampo alcune volte, ma stiamo lavorando a pieno regime per realizzare al meglio queste serie.

Fonte