La prima foto dal set di Ant-Man and The Wasp: Quantumania conferma che il film utilizzerà la tecnologia “The Volume”.

In occasione del Disney Investor Day, i Marvel Studios hanno annunciato ufficialmente Ant-Man and The Wasp: Quantumania, il terzo film dedicato al supereroe interpretato da Paul Rudd in cui assisteremo all’introduzione di uno dei villain più importanti della Casa delle Idee nonché avversario dei Fantastici Quattro e dei Vendicatori fumettistici: Kang il Conquistatore.

Nelle ultime ore il regista del film, Peyton Reed, ha pubblicato sul suo profilo Twitter la prima foto dal dietro le quinte del film scattata ai Pinewood Studios che conferma che i Marvel Studios utilizzeranno la tecnologia The Volume anche per Ant-Man and The Wasp: Quantumania. Per chi non lo sapesse, tramite questa tecnologia è possibile creare uno spazio che permette agli attori di interagire con degli sfondi realizzati in CGI invece di aggiungerli direttamente nel film in fase di post-produzione.

La Stagecraft (che di fatto evolve e migliora la tecnica Rear Projection già esistente nel cinema) è stata introdotta e sviluppata da Lucasfilm e Industrial Light & Magic e permette di girare gran parte della serie al chiuso senza il classico green screen, migliorando così la qualità visiva e l’illuminazione generale. Entrando nel dettaglio, l’intero set viene allestito con degli enormi schermi LED affiancati dagli oggetti di scena: questo permette al team di sviluppo di creare digitalmente tutti gli sfondi (modificandoli e renderizzandoli in tempo reale) e proiettarli sugli schermi, rendendo tutto l’ambiente più “reale”.

Le dimensioni del set base sono di 6 metri e mezzo di altezza per 25 metri di diametro, ma a partire da Thor: Love and Thunder di Taika Waititi verranno utilizzati ancora più pannelli LED in degli ambienti ancora più grandi, per offrire una risoluzione maggiore ed un ambiente virtuale ancora più grande. In termini pratici, da una parte questo dà la possibilità agli studios di girare al chiuso e di garantire una sicurezza maggiore per cast e crew in tempi di Covid (in quanto si troveranno in un ambiente protetto, controllato e sanificato quotidianamente, lontano da fan, paparazzi etc) e dall’altra parte permette di migliorare ancora di più la qualità visiva e soprattutto l’illuminazione, mettendo in secondo piano il classico green/blu screen.

Ricordiamo che Ant-Man and The Wasp: Quantumania, scritto da Jeff Loveness (Rick & Morty) e diretto da Peyton Reed (Ant-Man, Ant-Man and the Wasp), è previsto per il 17 febbraio 2023 e vedrà nel cast Paul Rudd (Scott Lang/Ant-Man), Evangeline Lilly (Hope van Dyne/Wasp), Jonathan Majors (Kang il Conquistatore), Michael Douglas (Hank Pym), Kathryn Newton (Cassie Lang/Stature) e Michelle Pfeiffer (Janet van Dyne). Le riprese del film si terranno ai Pinewood Studios di Londra, in Turchia e in altre aree europee.

Ant-Man and The Wasp: Quantumania

SINOSSI
Dal Marvel Cinematic Universe arriva Ant-Man and The Wasp, un nuovo capitolo con protagonisti gli eroi con l’incredibile capacità di rimpicciolirsi. Dopo gli eventi di Captain America: Civil War, Scott Lang affronta le conseguenze delle sue scelte come supereroe e padre. Mentre lotta per ritrovare un equilibrio nella sua vita e nelle responsabilità che deve assumersi in veste di Ant-Man, viene affrontato da Hope van Dyne e dal Dottor Hank Pym che hanno una nuova, urgente, missione. Scott deve ancora una volta indossare la tuta e imparare a lottare accanto a Wasp mentre il team collabora per scoprire dei segreti dal passato.

Fonte