Ant-Man and The Wasp: Quantumania, Jeff Loveness è rimasto spiazzato dalle recensioni negative: “Ero scoraggiato”

Ant-Man and The Wasp: Quantumania, Jeff Loveness è rimasto spiazzato dalle recensioni negative: “Ero scoraggiato.”

Il 15 febbraio è uscito al cinema Ant-Man and The Wasp: Quantumania, il terzo capitolo sulle avventure di Scott Lang (Paul Rudd) e di Hope van Dyne (Evangeline Lilly) che inaugura la Fase 5 del Marvel Cinematic Universe. Nel film la famiglia Pym si ritrova a esplorare il Regno Quantico, a interagire con nuove strane creature e ad affrontare il pericoloso Kang il Conquistatore, interpretato nuovamente da Jonathan Majors dopo il suo debutto in Loki.

Nonostante un’ottima partenza al box-office americano, il film di Peyton Reed ha letteralmente diviso la critica di settore diventando la seconda pellicola del Marvel Cinematic Universe con la percentuale più bassa su Rotten Tomatoes, al punto da essere reputata “Rotten” sul sito (traducibile con “marcio”, ossia non meritevole della visione). Questo punteggio, insieme al basso CinemaScore attribuito dal pubblico, potrebbe aver influito sul passaparola, comportando il devastante calo registrato nel secondo week-end.

Durante un’intervista con The Daily Beast, lo sceneggiatore Jeff Loveness si è espresso sull’accoglienza divisiva del blockbuster dei Marvel Studios, ammettendo di essere rimasto alquanto sorpreso e scoraggiato dalle recensioni negative:

In tutta onestà, quelle recensioni mi hanno colto di sorpresa. Ero piuttosto giù di tono… Non erano belle recensioni, ed ho pensato ‘Ma che…?'”

Sono davvero orgoglioso di quello che ho scritto per Jonathan [Majors] e Michelle Pfeiffer. Pensavo che fosse ottima roba, sai? E quindi ero soltanto scoraggiato, e molto triste al riguardo.”

Loveness ha svelato di essersi recato a una proiezione del film dopo l’uscita delle recensioni e, sentendo le risate del pubblico in sala per le numerose battute presenti nel suo script, il suo umore è decisamente migliorato:

Penso che viviamo in un’epoca in cui cerchiamo di etichettare le cose in modo tale da raggrupparci su Twitter ed esprimere i nostri pensieri. Penso che dovremmo tutti prendere le distanze da questo fandom collettivo che abbiamo e cercare di divertirci per noi stessi.”

“La mia reazione è stata ‘Accidenti! No, [le recensioni] si sbagliano! Ho ragione io! M.O.D.O.K. è fantastico!’ Sono piuttosto felice del film complessivamente parlando, è penso di aver imparato come incassare un pugno questa settimana. E ora che ho imparato che non è così male, posso andare avanti e realizzare altre cose.”