Il terzo capitolo su Ant-Man a quanto sembra prenderà una strada molto diversa da quella intrapresa dai due capitoli precedenti.

Il 15 febbraio 2023 uscirà al cinema Ant-Man and The Wasp: Quantumania, il terzo capitolo sulle avventure dell’Uomo Formica (Paul Rudd) e della letale Vespa (Evangeline Lilly), in cui assisteremo all’introduzione di uno dei villain Marvel più importanti nonché avversario dei Fantastici Quattro e degli Avengers: Kang il Conquistatore, interpretato nuovamente da Jonathan Majors dopo il suo debutto in Loki.

Il regista Peyton Reed ha voluto chiarire come il terzo capitolo della trilogia su Scott Lang sarà molto diverso dai film del passato, già anticipato dal trailer mostrato al Comic-Con di San Diego:
Beh, eravamo elettrizzati all’idea di un terzo film su Ant-Man e creare una trilogia. Ed eravamo consapevoli che avremmo dovuto fare qualcosa di diverso. Volevamo dare un grosso cambio di rotta e creare un film ancora più epico, ma pur sempre come progressione di questa dinamica famigliare.
A ciò si aggiunge l’enorme cambiamento nel rapporto tra Scott e Cassie a causa dei cinque anni del Blip:
E tutto quello che sta accadendo tra Scott, Hope e Cassie… soprattutto Cassie, che ora ha 18 anni, e forse Scott non sa come relazionarsi a lei da adulta, perché ha perso quei cinque anni durante Endgame.
Ovviamente, l’altro grande elemento è certamente Kang il Conquistatore, una minaccia di considerevoli proporzioni a confronto con Darren Cross e Ghost dai precedenti film:
E certamente volevamo mentre i nostri eroi contro un nemico veramente formidabile, e siamo stati fortunati. Sono cresciuto coi fumetti e sapevo che Kang il Conquistatore fosse uno dei villain più grossi, perciò metterli in conflitto proprio con Kang il Conquistatore in questo film è stato importantissimo per noi. Perciò siamo diventati sia grandi, che piccoli.