Ieri finalmente ha esordito il primo episodio dell’attesissima quarta stagione di Agents of S.H.I.E.L.D., ed oggi vi riportiamo nuovi dettagli di Ghost Rider, rilasciati da Gabriel Luna durante un’intervista.

“Il suo retroscena da orfano è stata una delle cose che mi hanno attirato del ruolo, perchè rappresenta l’inizio delle difficoltà con cui Robbie avrà a che fare nel corso di tutta la sua vita, ed è anche ciò che gli permette di essere leggermente diverso rispetto alle altre versioni del personaggio, perchè le precedenti incarnazioni erano sempre uomini con una vita abbastanza decente (Johnny Blaze è un famoso stuntman di Hollywood e Danny Ketch non è in una condizione troppo negativa), ragion per cui Ghost Rider diventa una maledizione davvero pesante per loro. Robbie, invece, si trova in una posizione inversa ha avuto molte difficoltà nella vita e Ghost Rider rappresenta per lui qualcosa di positivo.
Lui ha più controllo sul Ghost rispetto agli altri personaggi, il senso del dovere verso la sua famiglia gli dà la forza di essere in grado di tenere a bada il mostro, tuttavia perde il controllo quando si trasforma, poiché la sua mente è come in sovraccarico. È come se cercasse di arrivare ad un compromesso con questa parte di lui”.

L’attore ha infine parlato dell’elemento sovrannaturale, che è introdotto per la prima volta da Ghost Rider:

“Stiamo iniziando a camminare su un terreno ancora inesplorato, ciò che è stato trattato finora è stato spiegato dalla scienza avanzata, mentre ora si tratta di qualcosa che si spinge al di là del sapere scientifico. Come al cinema, con Doctor Strange, anche noi introdurremo il lato mistico della Marvel in televisione”.