Recentemente al Lucca Comics and Games 2019 abbiamo avuto la possibilità di provare una demo esclusiva del nuovo titolo dedicato ai Vendicatori con protagonista Kamala Khan, ecco le nostre impressioni.

Alcuni di voi avranno letto l’intervista che abbiamo recentemente fatto a Scot Amos, Studio Head di Crystal Dynamics sul titolo Marvel più atteso del momento: Marvel’s Avengers, ma un aspetto che potrebbe esservi sfuggito è che nel mentre che l’intervista procedeva, abbiamo avuto la possibilità di giocare una demo esclusiva con protagonista Kamala Khan, conosciuta ai più come Ms. Marvel nonché una delle protagoniste principali del gioco (che avrà l’obiettivo di riunire la squadra) ed oggi siamo qui per parlarvene.

Ambientazione

Prima di arrivare al punto principale, ovvero il gameplay, spendiamo qualche parola sul setting in cui si è svolta questa nostra esperienza. Ci siamo ritrovati in una stanza completamente bianca, luogo d’addestramento dei Vendicatori in cui è possibile affrontare diverse minacce di cui parleremo tra poco.

La stanza è caratterizzata da un motivo composto di cubi, che vanno a comporre sia le pareti che il soffitto e che uniti, ai quattro angoli della stanza, vanno a creare dei punti rialzati tramite cui è possibile spostarsi per ripararsi, colpire dall’alto o semplicemente provare le varie abilità di spostamento.

In generale è stato molto semplice ed intuitivo ambientarsi e, quando richiesto, spostarsi sull’icona di Avengers per avviare il nuovo livello.

I nemici

Sappiamo che attendete ansiosi all’idea di conoscere quali sensazioni ci ha provocato il poter utilizzare la magnifica Ms. Marvel, ma non potremmo arrivare a parlare del gameplay senza prima spendere qualche parola sui nostri avversari.

Questo addestramento è caratterizzato da quindici livelli in cui, come è logico, sia affrontano minacce sempre più varie e forti, tra cui soldati dell’A.I.M e diversi tipi di robot assassini con differenti forme e dimensioni.

Questi nemici hanno come è ovvio diverse funzionalità e ci porteranno a dover ragionare sul come sconfiggerli diversificando il gameplay, senza mai rinchiuderci in un ormai tristemente blasonato sistema di combattimento che non fornisce una vera e propria sfida e ci porta a premere le solite combinazioni di tasti ancora e ancora.

Ci troveremo davanti nemici mastodontici con armature che rivaleggerebbero con la Hulkbuster di Iron Man, contro cui dovremmo utilizzare la nostra forza bruta, il tutto accompagnato da orde di avversari di media statura contro cui dovremmo utilizzare astuzia ed ingegno per poterli abbattere senza subire eccessivi danni, o comunque che dovremmo tenere a bada abbastanza da permetterci di poter ricaricare la nostra vita.

Nella demo in questione abbiamo completato 15 orde di nemici con una difficoltà crescente, terminando con uno scontro impegnativo contro un gigantesco robot dell’A.I.M. accompagnato da androidi con lanciamissili ed esplosivi tossici.

Il comparto grafico

Dal punto di vista prettamente visivo il gioco è convincente, almeno dalla stanza delle simulazioni che abbiamo provato. Abbiamo davanti un’ambientazione che sembra tangibile, una simulazione di materiali e superfici con riflessi della luce ottimi, vicini al fotorealismo, ed inoltre, passando ad un ovvio punto di interesse per gli appassionati fumettistici, il costume di Ms. Marvel rende giustizia al suo nome.

Kamala indossa un’uniforme che traspone in modo eccelso ciò che indossa nella controparte fumettistica e la rende credibile ma al contempo unica, approccio chiaramente alla base del gioco in quanto, come detto nella succitata intervista con Scot Amos. Ogni cucitura è visibile, ogni piega è credibile e rettiva a qualsiasi movimento, ed in tutto questo le espressioni di Ms. Marvel, nota per il suo senso dell’umorismo in battaglia tipico degli eroi della Casa Delle Idee, sono in costante mutamento, ma mai forzate o poco credibili.

Ogni movimento che Kamala compie ci mostra le sue abilità sovrumane al meglio, in quanto riusciamo a percepire il suo peso aumentare nel momento in cui muta fisicamente e riusciamo a capire quanto surreale deve sembrare vedere qualcuno compiere balzi di diversi metri, sentendoci comunque perfettamente parte dell’elettrizzante esperienza che è avere dei super poteri.

Marvel's Avengers

Il gameplay

E siamo finalmente arrivati al centro nevralgico delle aspettative, il punto fondamentale che molti attendevano, l’esperienza che ci ha dato poter utilizzare Ms. Marvel in battaglia.

Kamala Khan è un personaggio attivo, come come preannunciato qui sopra da un grande senso di spettacolarità, quindi è stata probabilmente il perfetto test per noi per comprendere, o almeno provare, le meccaniche di questo gioco.

Abbiamo a disposizione un buon numero di attacchi, dalla classica distinzione tra attacchi leggeri e attacchi pesanti, alla possibilità di attivare abilità che ci garantiranno un vantaggio sui nemici, rimanendo però nel regno della credibilità fantastica che questo gioco propone.

Ms. Marvel è veloce e reattiva ai nostri comandi, forte abbastanza da farci sentire sovrumani ma non troppo per darci un buon grado di sfida. Possiamo spostarci in diversi modi, tra super salti e oscillazioni tramite l’aggrapparsi dei suoi arti allungabili agli appigli circostanti. Possiamo saltare contro i muri per rimbalzare sui nemici e colpirli con la potenza di un camion, ma anche schivare i loro attacchi (ci sono anche le “schivate perfette”), scivolargli alle spalle o balzare via dal loro attacco e successivamente metterli fuori gioco.

Sono inoltre presenti delle abilità uniche, che nel gioco potranno poi essere personalizzabili a piacere: nel nostro caso, Kamala poteva “ingigantire” la sua mano per colpire gli avversari, senza contare il recupero della salute, il tutto accompagnato da una mossa ultimate che le permette di diventare gigantesca per alcuni secondi, aumentando di gran lunga il danno inflitto.

In generale possiamo dire che se questa è veramente la linea presa dal gameplay di questo gioco per tutti i personaggi giocabili, siamo sulla strada giusta, in quanto sembra che l’approccio alla base sia esattamente quello descritto da Amos: i creatori si sono soffermati a studiare la controparte fumettistica dei personaggi, analizzando le loro abilità, le loro abitudini, il loro carattere ed i loro limiti, trasponendoli perfettamente in gioco per creare un esperienza che ci fa sentire come loro e ci da l’adrenalina necessaria in battaglia, oltre che l’aspetto spettacolare derivato dal vedere questi personaggi scontrarsi con i nemici con un look ed una cura fortemente cinematografico.

In conclusione

L’esperienza che abbiamo avuto giocando questa demo esclusiva è stata fortemente positiva, abbiamo avuto un buon grado di sfida, l’aspetto grafico è stato fortemente ammaliante e, parlando dell’aspetto fondamentale per quanto ci riguarda: ci siamo divertiti. Se il resto del gioco sarà anche solo vicino a questa esperienza, possiamo tranquillamente avere delle alte aspettative per Marvel’s Avengers.

Ringraziamo ancora Square Enix, Crystal DynamicsKoch Media Laboratorio Comunicazione per l’opportunità concessa e vi ricordiamo che Marvel’s Avengers uscirà il 15 maggio del 2020 su PS4, Xbox One, Stadia e PC.