In questo lungo speciale analizziamo tutti i progetti in via di sviluppo previsti per la Fase 4, i rumor, le teorie ed i personaggi che potrebbero essere introdotti con uno standalone. Mettetevi comodi e buona lettura!

L’Universo Cinematografico Marvel cambierà inevitabilmente dopo Avengers 4, questo ci è stato ribadito in diverse occasioni da molto tempo a questa parte.

Secondo alcune dichiarazioni del presidente Kevin Feige il quarto capitolo della saga dedicata ai Vendicatori porterà l’intero MCU a qualcosa di insolito per il panorama supereroistico: un finale.

O meglio, un finale per come lo conosciamo. Forse un finale per il metodo usato fin’ora? Una fine per i personaggi storici, così da lasciare il posto ai nuovi? O un finale per la costante coesione dei vari film, vertendo sempre più verso film solisti e legati alla lontana rispetto alla continuity principale, come sono stati i primi due Guardiani della Galassia?

Queste sono solo ipotesi, non sappiamo nulla per certo, se non che sono stati annunciati ben 20 film per la Fase 4, non sappiamo quali saranno, ma ci sono varie ipotesi.

In questo lungo speciale analizzeremo i progetti che potrebbero entrare in via di sviluppo nei prossimi anni, tra sequel già preannunciati e film del tutto inediti. Tenetevi forte!

Iniziamo parlando dei film già confermati:

Il sequel di Spider-Man: Homecoming

Il secondo capitolo della saga dedicata all’amichevole tessi-ragnatele Marvel ambientato nel MCU è già dato per certo ed è atteso per luglio 2019. Non ci sono molte informazioni al riguardo se non che Tom Holland tornerà come protagonista nel ruolo di Peter Parker/Spider-Man e che il film ripartirà pochi minuti dopo Avengers 4.

Inoltre è di ieri la conferma che Jon Watts tornerà alla regia di questo secondo capitolo dopo aver diretto Homecoming.

Guardiani della Galassia Vol. 3

Il terzo capitolo dedicato al gruppo cosmico più estroso dell’Universo Cinematografico Marvel è una certezza.

Reduci dal successo dei primi due capitoli ad opera di James Gunn, i Guardiani della Galassia torneranno sul grande schermo nel 2020 in una data non meglio precisata, sempre diretti e scritti dal già citato regista, che ha già selezionato l’intera colonna sonora. Il film inoltre aprirà le porte ai prossimi anni di film cosmici dell’MCU, che potrebbero essere coordinati e gestiti proprio da Gunn.

I film per ora senza titolo

Sempre nel 2020, i Marvel Studios hanno fissato le date per 3 film:

  • 1 maggio
  • 7 agosto
  • 7 novembre

Si ipotizza che i Guardiani della Galassia usciranno al cinema nella data di maggio con i terzo capitolo, in quanto si tratta di un franchise su cui Marvel/Disney puntano molto dato il riscontro estremamente positivo avuto nei primi due capitoli. Quali film prenderanno le altre due date è ancora un mistero.

Film probabili ma non confermati:

Ci sono poi anche film che non hanno fissato un titolo o una data di uscita, ma che grazie ad indizi estremamente papabili rilasciati sulla pellicola stessa, o grazie a dichiarazioni della crew sono quasi una certezza.

Doctor Strange 2

Il sequel dedicato allo Stregone Supremo della terra è una promessa garantita in una scena post credit del primo capitolo.

SPOILER SCENA POST-CREDIT DI DOCTOR STRANGE

In questa scena vediamo Mordo,conosciuto anche come il Barone Mordo dei fumetti, intento a rubare il potere a Jonathan Pangborn, lo stregone che ha indicato a Stephen Strange la via per Kamar-Taj, energia il quale gli permetteva di sopperire alla sua condizione di essere effettivamente paraplegico. Questo atto viene giustificato da Mordo affermando che al mondo ci sono troppi stregoni.

Questa scena porterà inevitabilmente Strange a scontrarsi con quella che nei fumetti è una sua nemesi in un sequel che è estremamente probabile.

Il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige è interessato allo sviluppo del film e Scott Derrickson vuole tornare alla regia…ed ha già alcune idee, come ad esempio l’introduzione di Incubo e della sua dimensione.

Ulteriori seguiti di Spider-Man: Homecoming

Il franchise della testa di tela più famosa della Marvel non accenna ad arrestarsi secondo la crew ed il cast del film.

Stando infatti ad alcune dichiarazioni, si vorrebbe procedere per una saga liceale in pieno stile Harry Potter.

Queste premesse porterebbero inevitabilmente ad altri sequel atti a sviluppare i vari personaggi introdotti in Spider-Man: Homecoming e a far vivere più avventure possibili nel nostro giovane Spider-Man appena approdato nell’Universo Cinematografico Marvel grazie al suo film d’esordio Captain America: Civil War.

Lo stesso Tom Holland ha già confermato ufficiosamente i piani per un terzo capitolo, anche se al momento manca la data d’uscita.

Vedova Nera

La stessa interprete di Natasha Romanoff, Scarlett Johansson, sostiene l’idea del film sul suo personaggio, proprio come Kevin Feige dei Marvel Studios ed anche Stan Lee ha spiegato che secondo lui è solo questione di tempo prima che il progetto entri in via di sviluppo!

Molti fan sono curiosi di scoprire cosa è successo effettivamente a Budapest, citato nel primo Avengers…ma prima bisogna vedere se effettivamente la Romanoff sopravviverà allo scontro con Thanos!

Sequel probabili ma ancora non confermati:

Questa categoria parte da un concetto simile a quello espresso sopra: Si tratta di seguiti di serie di film di successo, ma anche di progetti ancora non usciti. In questo caso, sono tutti rigorosamente non confermati e nessuno ha mai discusso a riguardo (almeno per ora)

Ant-Man 3 / Ant-Man and Wasp 2

il seguito della saga del secondo storico uomo formica Marvel: Scott Lang, interpretato dall’attore Paul Rudd che potrebbe rivelarsi un seguito del primo film solista sul personaggio o del secondo capitolo della saga con co-protagonista Evangeline Lilly nei panni di Hope Van Dyne aka Wasp, la figlia del primo Ant-Man, Hank Pym e di Janet Van Dyne, la prima e storica Wasp sia nei fumetti che nel MCU.

Ovviamente dipenderà molto dal successo del secondo capitolo, in uscita a luglio del prossimo anno per la regia di Peyton Reed…ma alla Marvel sembrano avere a cuore le trilogie!

Black Panther 2

Il primo capitolo non è ancora uscito, ma stando al corrente modus operandi della Marvel un eventuale seguito non è una certezza, ma quasi.

Il sovrano del Wakanda, T’Challa noto anche come Pantera Nera interpretato dall’attore Chadwick Boseman è apparso per ora solo in Captain America: Civil War e si appresta ad uscire nelle sale come protagonista in Black Panther nel 14 febbraio del 2018 per la regia di Ryan Coogler.

L’esordio del persoanggio ha convinto tutti i fan, proprio come il trailer del suo film. Trattandosi di un personaggio con anni e anni di storie, sicuramente i Marvel Studios hanno tantissimo materiale da cui attingere.

Captain Marvel 2

Qui il discorso si fa simile a quello fatto per Black Panther, con la non poco sostanziale differenza che il film dedicato a Carol Danvers, con protagonista Brie Larson nel ruolo di Captain Marvel, è previsto per il 6 marzo 2019 e di quest’ultimo sappiamo ancora poco per quanto riguarda la trama, se non che Jude Law interpreterà Mar-Vell, alias Walter Lawson, che ci sarà Samuel L. Jackson nel ruolo di Nick Fury e Ben Mendelssohn come Yon-Rogg. Inoltre il film sarà ambientato negli anni 90 e saranno presenti gli Skrull, storici alieni muta-forma Marvel nati sulle pagine de I Fantastici 4 ad opera di Stan Lee e Jack Kirby, acerrimi nemici della razza dei Kree, la razza aliena nativa di Mar-Vell, il primo Capitan Marvel.

Infine, verrà introdotta anche la storia guerra tra Kree e Skrull.

Film team-up in stile Avengers:

Questo genere di film è diventato comune negli ultimi tempi, portando avanti una tradizione che Marvel aveva già dagli albori, ovvero quello di far scontrare e/o collaborare i propri personaggi in una storia dedicata ad un personaggio specifico.

Quindi non parliamo di film su veri e propri super-gruppi come potrebbero essere quelli dedicati ai Vendicatori, ma di film come il già citato Captain America: Civil War, che nonostante fosse propriamente un film dedicato al personaggio di Captain America alias Steve Rogers, riuniva buonissima parte del cast apparso nei film dedicati agli Avengers, introducendo anche personaggi mai visti prima in questo universo come Spider-ManBlack Panther; o anche Thor: Ragnarok, che vedeva l’incredibile Hulk fare team-up col Dio del Tuono.

Altro esempio potrebbe Spider-Man: Homecoming in cui oltre al nostro caro Uomo Ragno di quartiere era presente una colonna portante dell’MCU, Iron-Man alias Tony Stark, nel ruolo di mentore per Peter Parker.

Questo aspetto dell’Universo Cinematografico Marvel verrà ripreso come scritto sopra in Captain Marvel, dove vedremo fare la comparsa di un probabilmente giovane Nick Fury.

Quindi sappiamo che è una caratteristica che non accenna ad arrestarsi esattamente come è stato per i fumetti di cui viene fatta la trasposizione. È quindi lecito aspettarsi che in un futuro questo genere di film prospererà portando a collaborazioni e/o scontri tra i vari personaggi.

Film su gli Avengers:

Ormai lo possiamo dire, i film sul super gruppo Marvel sono una costante atta spesso a tirare le somme, gettare nuove basi per progetti futuri e portare dell’intrattenimento d’azione che riesce ad emozionare gli spettatori.

Sin dal primo Avengers, film che riuniva i personaggi già introdotti in quello che era un vero e proprio cross-over mai visto al cinema, la Marvel ci ha abituati a vedere questo genere di film come ad un finale di stagione, per dirla in un termine da serie TV.

Nonostante non sempre coincidano con la fine delle così dette fasi Marvel, come nel caso di Avengers: Age of Ultron che nella programmazione della fase 2 veniva seguito da Ant-Man questi film sono un un punto centrale del MCU che unisce in una squadra con problemi, ma tutto sommato coesa, i personaggi di punta della terra, ed in futuro dell’universo in cui si trovano.

Sono quindi immancabili ed è lecito aspettarsi eventuali sequel dopo Avengers 4, magari in altre formazioni e con altri nomi (come nelle varie formazioni dei fumetti, tra cui troviamo New Avengers, Mighty Avengers e così via), ma con lo scopo centrale dell’eroismo coeso atto a difendere la terra dalle minacce che un solo eroe non potrebbe affrontare.

Recentemente Kevin Feige ha spiegato che i futuri progetti sui Vendicatori saranno sempre più orientati verso lo spazio.

Reboot interni al Marvel Cinematic Universe:

Sappiamo cosa state pensando, i reboot al giorno d’oggi sono una delle strategie più usate ed abusate per riproporre soprattutto i personaggi dei fumetti. Ma qui qualche non-lettore di fumetti potrebbe rimanere stupito, perché non parliamo di un reboot cinematografico vero e proprio, ma di un vero e proprio passaggio di identità.

In Marvel ci sono sempre stati, in questo periodo basta comprare un albo per notare che buona parte dei personaggi hanno un’identità diversa da quella che magari conoscete, ma di cosa si tratta?

Questa pratica è generalmente utilizzata nel momento in cui un personaggio perde la vita o lascia l’identità supereroistica in favore di un’altra o di una vita da civile.

Un esempio nell’MCU si può già riscontrare in Ant-Man, il film di Peyton Reed. In questo film veniamo a scoprire che prima di quello che è a tutti gli effetti il protagonista della pellicola Scott Lang, esisteva un altro Ant-Man di nome Hank Pym, lo scienziato che ha scoperto le particelle Pym, capaci di consentire ad un essere vivente o ad un oggetto di cambiare taglia restringendosi o ingrandendosi e che ha deciso di usarle per scopi spionistici e bellici collaborando con lo S.H.I.E.L.D. per salvaguardare la sicurezza nazionale.

Nei fumetti la genesi differisce di alcuni particolari ma la sostanza è quella: Scott Lang ruba la tuta di Hank Pym, ne scopre le capacità e dopo una serie di eventi acquisisce l’identità di Ant-Man.

Questo genere di approccio è stato usato con innumerevoli personaggi e non è difficile immaginarlo al cinema.

Un esempio su tutto che è stato spesso citato nel corso dei film è quello di Bucky Barnes che raccoglie l’eredità dell’amico e mentore Steve Rogers assumendo l’identità di Capitan America.

Come già detto nel corso dei film è stata paventata la possibilità di un eventuale passaggio di scudo tra Bucky Steve in alcune scene, come in Captain America: Il Primo Vendicatore dove Bucky usava lo scudo per pararsi dai colpi di un agente Hydra e in una scena tagliata di Captain America: Civil War in cui scagliava lo scudo per attaccare War Machine in pieno stile Cap, aggiungendo poi la richiesta a Steve di prenderne uno anche a lui.

Questo approccio potrebbe essere quindi riportato anche a Bucky, ma non solo a lui. Anche Falcon nel corso dei tempi ha indossato le vesti di Capitan America, oppure contemporaneamente a lui Jane Foster ha impugnato Mjolnir, il martello di Thor per assumerne l’identità…o anche la giovane e geniale Riri Williams ha assunto i panni della nuova Iron Man, dal nome IronHearth.

Questi sono solo alcuni degli esempi avvenuti nella controparte cartacea che potrebbero essere trasposti per continuare una saga Marvel, dando però un nuovo approccio più fresco ai personaggi quando i “vecchi” interpreti dovranno abbandonare il ruolo.

Film su nuovi eroi:

Questa è una tematica estremamente affascinante.

Nel corso della sua esistenza il Marvel Cinematic Universe ha costantemente introdotto nuovi eroi che spesso non avevamo mai visto al cinema o comunque mai proposti in questa forma.

Fin dal 2008 con Iron-Man che diede inizio a questo universo arrivando a Pantera Nera che verrà portato nelle sale di qui a poco.

Sotto questo punto di vista la Marvel potrebbe continuare a stupire.

Non mancano infatti le richieste dei fan per film su personaggi come Namor il re di Atlantide i cui diritti cinematografici sono avvolti da un alone di mistero e che mai prima d’ora abbiamo visto trasposto al cinema. (secondo gli ultimi aggiornamenti sono tornati ai Marvel Studios, ma con certezza non è dato saperlo)

Oppure di film su personaggi come Nova di cui per ora abbiamo già visto il corpo di polizia spaziale da cui prende il nome in Guardiani della Galassia. Richard Rider è uno dei più richiesti dai fan, e potenzialmente potrebbe essere introdotto già in Avengers: Infinity War.

Un altro esempio di queste vaste possibilità potrebbe essere Adam Warlock storico personaggio cosmico Marvel già citato in Guardiani della Galassia vol. 2, o perché no, persino un film su Howard Il Papero che già in passato aveva avuto una trasposizione al cinema e che già abbiamo visto come cameo sempre nei due film dedicati ai Guardiani della Galassia.

Ci sono altre possibilità, vaste ed intriganti; tutte idee che potrebbero o no vedersi realizzate nei 20 film annunciati che seguiranno Avengers 4, per adesso come detto niente è stato confermato, ma sappiamo che Marvel, che con la sua lungimiranza ha dato vita ad un universo enorme in ormai quasi 10 anni, continuerà a sorprenderci con annunci di progetti che potrebbero anche rivoluzionare completamente settori dell’universo in cui i personaggi si trovano, o addirittura l’universo stesso.

In ogni caso noi continueremo ad aggiornarvi.