Il Presidente dei Marvel Studios Kevin Feige parla del Regno Quantico e dell’importanza di Thanos.

Avengers: Infinity War ha letteralmente spazzato via il problema dei villain dell’Universo Cinematografico Marvel, spesso delle vere e proprie comparse utili solo nel percorso di crescita del protagonista. Thanos è infatti un villain complesso, con delle motivazioni comprensibili, sempre un passo in avanti rispetto ai protagonisti e decisamente potente, che ha convinto appieno i fan e la critica.

Ora in una recente intervista il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha discusso dell’importanza del Titano nell’MCU, spiegando:

Thanos agisce in agguato, nell’ombra, con il solo desiderio di ottenere le Gemme dell’Infinito, che hanno avuto un ruolo molto importante negli altri film. Abbiamo introdotto il Tesseract, ovvero la Gemma dello Spazio, quindi la gemma della Mente, la Gemma del Tempo, indossata da Doctor Strange durante Infinity War. Naturalmente i Guardiani hanno avuto a che fare con la Gemma del potere.

Questi strumenti di narrativa che abbiamo seminato in ogni film hanno continuato a recitare la loro parte; sono ormai 6 anni che stuzzichiamo a riguardo. Abbiamo stuzzicato a lungo i fan prima di ripagarli e Thanos doveva essere per forza il cattivo definitivo dei nostri film.

Successivamente Feige ha discusso del Regno Quantico introdotto in Ant-Man e della sua importanza per il futuro, spiegando:

Alla fine di Ant-Man seguiamo Scott Lang nel Regno Quantico per la prima volta. E’ stato il primo strato, che abbiamo esplorato completamente con il Multiverso di Doctor Strange. Ma ora il Regno Quantico è diventato un terreno che possiamo utilizzare per raccontare altre storie, è molto più vasto di quello che immaginavamo e ci sono tante avventure che esploreremo in altri film.

Fonte