Assisteremo mai ad una serie TV dedicata a Ghost Rider?

Negli States è terminata la quarta stagione di Agents of SHIELD e gli episodi finali hanno lasciato molti fan con una domanda “uscirà mai uno spinoff su Ghost Rider?”

Robbie Reyes, interpretato da Gabriel Luna, è stato introdotto in Agents of SHIELD all’inizio della quarta stagione come il Ghost Rider dell’MCU e dopo alcune critiche iniziali, ha convinto moltissimi fan.

E’ chiaro però che in Agents of SHIELD questo personaggio sia molto limitato, dato che ha molto altro da raccontare all’infuori delle avventure dello SHIELD. Lo stesso Reyes ha tentato di spiegare a Coulson e Daisy dove è stato per la seconda metà di stagione, (spoiler minori di seguito) spiegando che la terrà è solo un campo di battaglia in una guerra enorme che include tanti mondi.

Possiamo definire questo Spirito della Vendetta come un soldato in una guerra infinita contro l’oscurità, che può viaggiare da un mondo all’altro utilizzando portali (simili a quelli di Doctor Strange, ma senza sling ring) con la sua catena infiammata.

Ma la Marvel Television deciderà mai di dedicargli una sua serie TV? Proviamo ad analizzare la situazione, evidenziando pro e contro di questa scelta.

Ghost Rider

Un grande ostacolo per la realizzazione di una sua serie TV è rappresentato dal budget: creare le sequenze con il teschio infiammato è complesso e soprattutto ha un costo elevato, come ammesso dagli stesso produttori di Marvel Television.

Anche se molti fan chiedono di vedere la sua serie su Netflix, difficilmente la piattaforma avrà a disposizione un budget tanto più ampio di quello di ABC per gli effetti visivi. Ad esempio in Iron Fist il drago immortale Shou-Lao non è stato mostrato su schermo proprio per problemi di budget, come specificato dallo stesso Finn Jones. Netflix (almeno per le produzioni supereroistiche) predilige pochi effetti speciali a favore di sequenze più reali e questo per Ghost Rider rappresenterebbe un grande limite.

Come ci ha spiegato lo stesso Gabriel Luna quando lo abbiamo intervistato ad inizio anno, l’ideale sarebbe una produzione simile a Marvel’s Inhumans: una serie limitata ad 8 episodi e realizzata da ABC assieme ad IMAX, che garantirebbe riprese di qualità senza particolari restrizioni per il budget.

Stanno facendo gli Inumani ora su ABC di 8 episodi. Mi piace, mi piace l’idea di una mini-serie. Magari faranno solo 8 episodi, magari 4 stagioni, ma credo che una serie  del genere andrebbe molto bene […]

Di storie da raccontare ce ne sarebbero tantissime, passando dal collegamento con Johnny Blaze ai motivi della sua assenza per tutta la seconda metà di stagione, fino ad arrivare a Mefisto ed al mondo dell’occulto, introdotto in questa quarta stagione di Agents – anche grazie a Doctor Strange.

Gabriel Luna vorrebbe esplorare tematiche più attuali, in cui Robbie Reyes potrebbe rappresentare i quartieri più poveri degli Stati Uniti.

Robbie è un supereroe messicano e penso che possa essere importante che sia lui a rappresentare i messicani in America. Quindi io penso che sia grandioso vedere una serie dove lotta per loro, per i quartieri più poveri. Quartieri come Hillrock Heights [dove vive nei fumetti Robbie Reyes] Boyle Heights ad est di Los Angeles.

Inoltre la chimica che si sta formando tra Robbie ReyesDaisy Johnson è molto interessante ed un loro eventuale team-up nella serie su Ghost Rider potrebbe rappresentare un importante collegamento con Agents of SHIELD.

Dipenderà molto dall’eventuale successo di Marvel’s Inhumans, che potrebbe consolidare una formula replicabile per diversi personaggi visti nelle serie TV. Una cosa sembra essere certa: sia Gabriel Luna che Marvel Television credono molto sul personaggio e sono disponibili a trovare la formula più adatta per renderlo protagonista di una serie TV…per la gioia di moltissimi fan!

Marvel’s Inhumans uscirà nelle sale IMAX ad inizio settembre per poi arrivare su ABC dal 26 dello stesso mese, mentre la quinta stagione di Agents of SHIELD uscirà solamente a gennaio 2018.

Di seguito vi lasciamo la nostra intervista all’attore: